le notizie che fanno testo, dal 2010

Roma bloccata a Catania, in tutti i sensi. Luis Enrique: "Pazienza!

La Roma non riesce a portare a casa la vittoria nei 30' giocati ieri a Catania per il recupero della partita dello scorso 14 gennaio . Bloccati nel risultato i giallorossi rimangono anche fermi all'areoporto di Catania a causa dell'eruzione dell'Etna. E il tecnico Luis Enrique scherza su Twitter: "Ogni volta che siamo a Catania succede qualcosa".

Prima il nubifragio, poi l'eruzione di un vulcano, "ogni volta che siamo a Catania succede qualcosa". E' un Luis Enrique ironico quello che commenta su Twitter la mancata partenza della sua squadra verso la capitale a causa dell'eruzione dell'Etna. L'allenatore della Roma, al termine del recupero del match contro il Catania terminato 1-1, si è detto soddisfatto dell'atteggiamento dei suoi giocatori. Non potendo schierare Totti e De Rossi (sostituiti nella prima parte del match giocata lo scorso 14 gennaio) il tecnico asturiano ha optato per il tridente con Lamela, Borini e il giovane Piscitella che ha debuttato domenica scorsa nei minuti finali contro l'Inter. Ho scelto Piscitella non al posto di Bojan ma come punta esterna. Lui ha qualità, salta l'uomo". Luis Enrique sottolinea ancora una volta che nella sua Roma non esistono titolari fissi, ognuno si deve guadagnare il posto durante l'allenamento settimanale. Sulla via del rientro, però, l'intera squadra è stata bloccata dalla ripresa dell'attività eruttiva dell'Etna che ha portato alla chiusura dell'areoporto di Catania. "Ogni volta che siamo a Catania succede qualcosa", ha sdrammatizzato il tecnico ex Barcellona sul suo profilo Twitter. "Adesso chiuso l'aeroporto per l'eruzione dell'Etna e dobbiamo rimanere qui. Pazienza!!!!".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# Barcellona# Catania# Inter# nubifragio# Roma# Twitter# vulcano