le notizie che fanno testo, dal 2010

Roma, Garcia: non mollerò. Ora abbiamo il Torino e il Bate Borisov

"Non mollerò, sono combattivo. Vogliamo dimostrare che siamo in grado di vincere subito. Abbiamo il Torino e il Bate Borisov, dobbiamo solo rimetterci al lavoro, essere umili, superando questo brutto momento con una vittoria sul rettangolo verde, l'unica cosa che ci dà soddisfazione" spiega il tecnico della Roma Rudi Garcia dopo la sconfitta per 2-0 contro l'Atalanta.

"L'unica cosa da fare ora è stare zitti e tirare fuori il meglio da questo gruppo, non è il momento di disunirci e serve coesione in questi momenti: restiamo uniti, tutti insieme" dichiara il tecnico della Roma Rudi Garcia dopo la sconfitta per 2-0 contro l'Atalanta.
"Abbiamo il Torino e il Bate Borisov, dobbiamo solo rimetterci al lavoro, essere umili, superando questo brutto momento con una vittoria sul rettangolo verde, l'unica cosa che ci dà soddisfazione. - ricorda Garcia - Ci sono poche cose da salvare, non abbiamo avuto un atteggiamento di conquista e siamo entrati nel falso ritmo dell'Atalanta, che ha difeso bene al centro. Noi non siamo riusciti a passare sulle fase facendo tanti errori".
"Vogliamo dimostrare che siamo in grado di vincere subito - assicura l'allenatore giallorosso - è solo questo il modo per raggiungere i nostri obiettivi". "Non mollerò, sono combattivo. - precisa quindi Garcia - Sono deluso e arrabbiato, ci serve rabbia per uscire da questi momenti".
Di queste ultime sconfitte "non è che c'è un solo responsabile, lo siamo tutti: - spiega quindi Garcia - come ho già detto, è il momento di restare uniti e mantenere la coesione, solo così torneremo a vincere. Mi prendo le mie responsabilità, non è un problema, sto davanti e lascio i ragazzi tranquilli. Ora servono giocatori al lavoro, umili e con il ritorno dei giocatori sono sicuro che il cielo blu è dietro le nuvole in questo momento".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: