le notizie che fanno testo, dal 2010

Saviano ritira premio Borsellino: verità e potere non coincidono

Roberto Saviano ritita il premio intitolato alla memoria di Paolo Borsellino. Prima della cerimonia una lettera della moglie del giudice ucciso dalla mafia: "non perdo la speranza di una società più giusta ed onesta".

Roberto Saviano, che lunedì prossimo condurrà insieme a Fabio Fazio il programma di Rai 3 "Parla con me", ha questa mattina ricevuto a Roseto Degli Abruzzi (Teramo) il premio intitolato alla memoria del giudice Paolo Borsellino.
"Non si sta parlando di un monumento, di una cosa del passato: lui, il suo lavoro, sono qui, è l'alchimia che viene fuori quando si parla di quella stagione, da quella storia si arriva direttamente al futuro" afferma lo scrittore mentre riceve il premio assegnato da Società civile.
Quella di questa mattina è la XV edizione del "Premio nazionale Paolo Borsellino: 10 giorni per la legalità" e in apertura è stata letta una lettera scritta dalla moglie del giudice che ha sacrificato la sua vita per cercare di sconfiggere la mafia.
"Ho continuato e continuerò a rispettare le istituzioni di questo Paese - scrive Agnese Borsellino - perché mi rendo conto che abbiamo il dovere di rispettarle e servirle come mio marito sino all'ultimo ci ha insegnato. Io non perdo la speranza di una società più giusta ed onesta, in grado di costruire un'Italia più giusta ed onesta".
Roberto Saviano, onorato del riconoscimento, spiega poi che "verità e potere non coincidono mai: è questo il meraviglioso insegnamento che ci viene dal lavoro di Paolo Borsellino, è questo il metodo per capire la verità delle cose".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: