le notizie che fanno testo, dal 2010

Roberto Saviano si contamina con Amici 2015: monologo su immigrazione

Dopo Matteo Renzi in stile Fonzie anche l'intellettuale Roberto Saviano approda ad Amici, il talent show di Maria De FIlippi. La prima puntata del serale di Amici 14 andrà in onda sabato 11 aprile 2015, ma la parte con il monologo di Roberto Saviano è già stata registrata. Roberto Saviano afferma di aver accettato di andare ad Amici 2015 è perché gli pianno le "contaminazioni", anticipando di aver parlato di "immigrazione".

Dopo Matteo Renzi in stile Fonzie anche l'intellettuale Roberto Saviano approda ad Amici, il talent show di Maria De FIlippi. La prima puntata del serale di Amici 14 andrà in onda sabato 11 aprile 2015, ma la parte con il monologo di Roberto Saviano è già stata registrata. Non sono state poche, soprattutto sui social network, le critiche allo scrittore per aver scelto di partecipare ad un talent show come Amici, ma Roberto Saviano si era difeso su Facebook spiegando: "La verità è che a me piacciono le contaminazioni e trovo sia un privilegio poter parlare a un pubblico di ragazzi in una trasmissione tanto seguita. - aggiungendo - A me piace parlare a tutti, soprattutto a chi in genere non incontra le mie storie". Saviano chiariva inoltre: "Nella contaminazione non vedo contraddizione, così come non c’è contraddizione nell’andare sulle reti Mediaset se ho la libertà di poter esprimere senza limitazioni il mio pensiero". Dopo la registrazione del suo monologo sul palco di Amici 2015, Roberto Saviano anticipa su Facebook di aver "parlato di immigrazione", aggiungendo: "Ormai ne sentiamo parlare solo da Salvini, e dai suoi sodali leghisti, che ci dicono quanto i rom siano la feccia dell’umanità o quanto i lavavetri ai semafori siano rompicoglioni (sic)". Poi Saviano torna a chi ha criticato la sua partecipazione al talent show di Maria De Filippi ricordando: "Molti definiscono Amici una trasmissione troppo amena per poter veicolare messaggi a sfondo sociale. Molti ritengono che altre siano le reti e i contesti in cui avrei dovuto esprimere le mie opinioni. - e precisa - Non sono d’accordo, detesto lo snobismo di chi in cuor suo applaude Salvini che vuole tutelare le italiche genti, e poi pensa 'cosa c’entra Saviano con Amici?', 'Cosa c’entra Saviano con le reti Mediaset?', 'Lui è di sinistra e lì non doveva metterci piede' ". Lo scrittore di Gomorra chiarisce ancora: "Io con questa sinistra, tanto ottusa, non c'entro niente. E c'entro davvero poco con i talk show politici il cui unico scopo è quello di alzare i toni, mostrare litigi e mai davvero il punto di vista delle persone, degli italiani, che sono mille volte meglio di chi in Parlamento li rappresenta. - e conclude - Le parole delle persone che in questi giorni stanno criticando la mia scelta, mi rafforzano nella convinzione di aver fatto la cosa giusta. Del resto il mio invito è sempre lo stesso: prima di criticare bisogna conoscere. La critica a priori, nella migliore delle ipotesi, è ottusità".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: