le notizie che fanno testo, dal 2010

Roberto Saviano e le venti cornacchie morte di Sabaudia

Sembra che sia stato un orrendo avvertimento mafioso nei confronti di Roberto Saviano quello delle venti cornacchie morte trovate tra due stabilimenti balneari di Sabaudia.

Sembra una lugubre scena di Gomorra: tra due stabilimenti balneari di Sabaudia (Latina) è stata trovata una scia di cadaveri di venti cornacchie, tipico avvertimento della camorra che dovrebbe essere certamente di cattivo auspicio.
La macabra scoperta è stata fatta dalla Forestale il 23 agosto scorso e le carcasse dei poveri intelligentissimi uccelli erano piazzate alla distanza geometrica di circa trenta-quaranta metri l'una dall'altra.
Le cornacchie sembra che siano state avvelenate (o forse catturate con una trappola) visto che non presentano nessuna ferita e siano state poi congelate per posarle sul ciglio della strada.
Per gli inquirenti questa strage di volatili è stata organizzata probabilmente, come rivela Dagospia, per mandare un messaggio mafioso a Roberto Saviano che segretamente sembra abbia passato dei giorni di vacanza proprio in una delle ville segrete di Sabaudia messe a disposizione dal suo programma di protezione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: