le notizie che fanno testo, dal 2010

Maroni offeso da Saviano: solo stupidaggini, voglio la replica

Ieri sera dal palco di "Vieni via con me" Roberto Saviano attacca la Lega Nord affermando che l'ndrangheta "interloquisce con la Lega" citando anche una frase di Gianfranco Miglio (probabilmente tratta da Wikipedia). E Roberto Maroni chiede il diritto di replica.

Ieri sera dal palco di "Vieni via con me" Roberto Saviano lascia intendere che il sogno della 'ndrangheta lombarda "è quello di indebolire sempre più la Calabria e fare della Lombadia l'unico vero centro che governa l'internazionale del narcotraffico".
Per fare questo l'ndrangheta, come al Sud, "cerca di interloquire con il potere della politica e al Nord interloquisce con la Lega". Roberto Saviano inizia un discorso che lascia poi senza epilogo, raccontando solo che una volta Pino Neri, "il nuovo capo che deve mettere a posto le cose in Lombardia" avrebbe incontrato "un consigliere regionale della Lega Nord, non indagato e non arrestato" e che "Pino Neri lo incontra per chiedergli un favore politico".
Roberto Saviano afferma che "non si sente parlare delle Organizzazioni qui (a Milano, ndr), non si ha voglia" spiegando che "la Lega per esempio da sempre fa un contrasto culturale o repressivo alle organizzazioni criminali" ma ciò "non basta" sostiene lo scrittore, cominciando a spiegare cose che chi si occupa di mafia da sempre trova anche un po' banali, ma che forse sono una novità per il grande pubblico.
Per Saviano ciò che fa la Lega "non è sufficiente perché la loro forza (delle mafie, ndr) è nell'economia e nei soldi legali che l'imprenditoria lombarda vuole e prende da decenni".
Poi dallo scrittore di Gomorra arriva la stoccata diretta alla Lega Nord, citando parti di una risposta rilasciata in una intervista da Gianfranco Miglio, uno dei padri della Lega. Saviano, in diretta sulla terza rete nazionale non si preoccupa di citare né la testata che ha pubblicato l'intervista né il giornalista (forse perché la frase è stata presa da Wikipedia) che per correttezza professionale riportiamo noi. L'intervista fu rilasciata a Stefano Lorenzetto de "Il Giornale" del 20 marzo 1999.
La frase in questione è: "Io sono per il mantenimento anche della mafia e della 'ndrangheta. Il Sud deve darsi uno Statuto poggiante sulla personalità del comando. Io non voglio ridurre il Meridione al modello europeo, sarebbe un'assurdità. C'è anche un clientelismo buono, che determina crescita economica. Insomma, bisogna partire dal concetto che alcune manifestazioni tipiche del Sud hanno bisogno di essere costituzionalizzate".
Saviano poi sottolinea, per chi non avesse capito, che "Miglio dice che le mafie devono essere costituzionalizzate".
Oggi Roberto Maroni, Ministro dell'Interno, è intervenuto contro lo scrittore dichiarando di sentirsi "offeso e indignato dalle parole infamanti di Saviano animate da un evidente pregiudizio contro la Lega".
Maroni ha quindi chiesto al Cda della Rai il diritto di replica "anche a nome dei milioni di leghisti che si sono sentiti indignati dalle insinuazioni gravissime di Saviano e quindi auspico che mi venga concesso lo stesso palcoscenico per replicare ad accuse così infamanti che devono essere smentite".
"Chi ha sentito ieri sera Saviano parlare senza contraddittorio potrebbe essere indotto a pensare che in quelle parole c'è qualcosa di vero e siccome non è così voglio poter replicare a quelle stupidaggini", continua Maroni ricordando che Roberto Saviano è lo stesso che lo "ha definito uno tra i migliori ministri nella lotta alla mafia - dice Maroni - ora vorrei che ripetesse le accuse di ieri guardandomi negli occhi".
"Chiunque ha diritto di replicare, altrimenti vuol dire che siamo tornati al tribunale della Santa Inquisizione - conclude Maroni, spiegando che se l'invito della Rai non ci sarà allora sarà evidente che "quella è una trasmissione contro la Lega e che la democrazia è un optional".
Insomma, come spesso avviene, sembra che in Italia non ci sia mai una verità univoca.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: