le notizie che fanno testo, dal 2010

Ruby, Fiorillo si rivolge al CSM: parlo se calpestata giustizia

Per Maroni al Senato il caso Ruby non presenta "superficialità o frettolosità" ma il pm del Tribunale dei Minori Fiorillo spiega che si rivolgerà al CSM "in quanto le parole del Ministro Maroni non corrispondono a quella che è la mia diretta e personale conoscenza del caso".

Per il Ministro degli Interni Roberto Maroni il caso Ruby non presenta "superficialità o frettolosità", come afferma ieri al Senato, e che l'affidamento dell'allora minorenne fu eseguito secondo procedura e dopo tutti gli accertamenti. Ruby, stando a quanto riporta Maroni, non fu consegnata al consigliere regionale Nicole Minetti dopo la telefonata di Silvio Berlusconi alla questura di Milano, ma seguendo tutte le indicazioni del pm di turno del Tribunale dei Minori. Non pare dello stesso avviso però quel pm, cioè Anna Maria Fiorillo, che oggi rende noto che si rivolgerà al CSM "in quanto le parole del Ministro Maroni, che sembrano in accordo con quelle del procuratore Bruti Liberati, non corrispondono a quella che è la mia diretta e personale conoscenza del caso". Da sempre, infatti, il pm Fiorillo ha sostenuto che le sue disposizioni consistevano nel consegnare Ruby in una comunità protetta e nel caso non vi fosse posto di trattenerla in questura. In effetti, quando cominciarono ad uscire le primissime indiscrezioni sul caso, i quotidiani (tra cui Il Fatto Quotidiano che lanciò lo scoop) scrivevano che la ragazza era in una comunità protetta. Non si parlava ancora della Minetti.
"Non ho nessuna dichiarazione da fare, né niente da aggiungere a quanto ho già detto nei giorni scorsi" ha affermato il procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati dopo le dichiarazioni della Fiorillo.
Anche Anna Maria Fiorillo specifica che da adesso in poi "non dirà più niente" e che parlerà "eventualmente dopo, quando il CSM sarà intervenuto". Il pm del Tribunale dei Minori sottolinea solamente: "Penso che sia importante il rispetto delle istituzioni e della legalità, cose a cui ho dedicato la mia vita e in cui credo profondamente. Proprio per questo, quando vedo calpestate rispetto, legalità e giustizia parlo, perché altrimenti non potrei più guardarmi allo specchio".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: