le notizie che fanno testo, dal 2010

Ricky Martin: per troppo tempo avevo manipolato la comunicazione

Il coming out per Ricky Martin non sembra essere stato solo una liberazione, ma anche una presa di coscienza, tanto da ammettere: "Per troppo tempo avevo manipolato la comunicazione: alla fine ero così stanco". In uscita la autobiografia del cantante portoricano, "Me".

E' in uscita in Italia la autobiografia di Ricky Martin, dal titolo inequivocabile "Me". "Scrivere la mia autobiografia è stato un passaggio così importante che anche solo parlarne è come fare terapia" spiega a Vanity Fair, che gli dedica la copertina in edicola da 22 giugno, dove "racconta la ragione per cui a 37 anni, dopo la nascita dei gemelli, dichiarò pubblicamente dal suo sito la sua omossessualità". "La sessualità è una cosa complicata - spiega Ricky Martin - Conosco molti gay e lesbiche che sono passati attraverso le mie stesse esperienze e che hanno avuto gli stessi dubbi. Un po' alla volta cresci, leggi, parli con la gente, finché un giorno ti guardi nello specchio e ti fai una domanda: 'Chi sei, che cosa vuoi davvero? Che cos'è per te la felicità?'. Io mi sono risposto: 'Orgoglio, autostima, dignità, accettazione: è questo che voglio'. Io sono fortunato di averlo scoperto entro i trent'anni". Il coming out per Ricky Martin non sembra essere stato solo una liberazione, ma anche una presa di coscienza, tanto da ammettere: "Per troppo tempo avevo manipolato la comunicazione: alla fine ero così stanco". Nella sua autobiografia Ricky Martin non parla del suo compagno, il finanziere Carlos González Abella, al quale, nel marzo scorso, il cantante portoricano "ha dedicato il premio che la Glaad – organizzazione per la difesa dei diritti dei gay – gli ha assegnato per il suo contributo alla lotta contro l'omofobia", come ricorda Vanity Fair. Al settimanale Ricky Martin rivela però che, pur non essendo ancora pronto per il matrimonio (se mai ce ne fosse la possibilità per una coppia gay), non gli dispacerebbe avre altri figli, oltre ai due gemelli avuti attraverso un "utero in affitto". Il suo sogno sarebbero altri cinque, ma spiega di voler essere "responsabile" e di voler aspettare per "capire che cosa sia meglio per tutti", anche perché se ci sarà una "prossima volta" forse teneterà con una adozione. Insomma, con una famiglia che spiega essere unita, la gioia di essere padre e con un tour pronto a partire, Ricky Martin sembra davvero essere, finalmente soddisfatto.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: