le notizie che fanno testo, dal 2010

Jobs Act, Brunetta: modifiche ad articolo 18 è nuovo imbroglio di Renzi

Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, denuncia "l'ennesimo imbroglio di Matteo Renzi" commentando il via libera in Commissione all'emendamento governativo che riformula l'articolo 18, spiegando: "E' una norma che creerà nuove rigidità in entrata e in uscita".

"La sceneggiata di ieri in Commissione Lavoro a Montecitorio è inammissibile, e bene hanno fatto i colleghi di Forza Italia, così come gli altri rappresentanti delle opposizioni, ad abbandonare dei finti lavori su un testo, quello sul Jobs Act, non espressione del Parlamento ma delle mediazioni al ribasso all’interno del Partito democratico" afferma in una nota Renato Brunetta, capogruppo degli azzurri alla Camera, commentando il via livera all'emendamento governativo che riformula l'articolo 18. Brunetta denuncia infatti: "I Commissari non hanno potuto esaminare in modo analitico il provvedimento, non c’è stato alcun confronto nel merito, e nessuno ha potuto contribuire per migliorare la norma. - aggiungendo - Ancora una volta il Parlamento è stato svilito da questo governo, usato semplicemente come luogo della ratifica e non della discussione". Entrando nel merito del provvedimento, il forzista ricorda come Forza Italia abbia già espresso nei giorni scorsi la sua "posizione critica", ribadendo: "Il Jobs Act è l'ennesimo imbroglio di Matteo Renzi. L'articolo 18, che doveva essere negli slogan del premier il vero protagonista di questo provvedimento, non cambia assolutamente: esce dalla porta per tornare sotto medesime vesti dalla finestra. Una norma che creerà nuove rigidità in entrata e in uscita, che non aiuterà le imprese, e non favorirà nuove assunzioni. Un’inutile spot contro le aziende e contro i lavoratori".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: