le notizie che fanno testo, dal 2010

Dopo Istat e BCE governo trema pensando a giudizio UE su legge stabilità, dice Brunetta

"Con le sue previsioni di rallentamento della crescita italiana nel breve periodo, l'Istat gela l'illusionismo e gli imbrogli del duo Renzi-Padoan. E il nostro paese si conferma fanalino di coda dell'UE", spiega in un comunicato il capogruppo di Forza Italia alla Camera Renato Brunetta.

"Con le sue previsioni di rallentamento della crescita italiana nel breve periodo, l'Istat gela l'illusionismo e gli imbrogli del duo Renzi-Padoan. E il nostro paese si conferma fanalino di coda dell'UE" dichiara in un comunicato il capogruppo di Forza Italia alla Camera Renato Brunetta.
"Previsioni cupe, cui si aggiunge la reprimenda della Banca centrale europea: i continui rinvii del pareggio di bilancio e l'inerzia del governo nella riduzione del debito pubblico aumentano l'incertezza e sono segnale di non credibilità della politica economica italiana. - osserva - In sintesi: Matteo Renzi si gingilla con annunci e mance, distruggendo così non solo il bilancio pubblico - come ha fatto con il bonus degli 80 euro e quello dei 500 euro, che hanno aumentato il deficit e il debito - ma distruggendo anche l'affidabilità del nostro paese, ormai precipitata a livelli tali da produrre disaffezione e fuga degli investitori stranieri".
Il deputato sottolinea quindi: "A due settimane dal giudizio definitivo della Commissione europea sulla irresponsabile legge di stabilità del governo, per Matteo Renzi quelli di Istat e BCE non possono sicuramente considerarsi segnali confortanti. E l'esecutivo trema."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: