le notizie che fanno testo, dal 2010

Brunetta: su cachet Varoufakis Rai rattoppa, ma era meglio il buco

"La Rai, con la coda di paglia, dopo essere stata smascherata da Varoufakis, corre ai ripari, o molto più probabilmente finge solo di farlo, emanando una direttiva che 'ha rafforzato e reso più stringente il divieto per l'azienda di erogare compensi a politici che partecipano a trasmissioni televisive e radiofoniche', estendendolo anche alle società esterne che producono per la Rai", da FI una nota di Renato Brunetta.

"La Rai, con la coda di paglia, dopo essere stata smascherata da Yanis Varoufakis, corre ai ripari, o molto più probabilmente finge solo di farlo, emanando una direttiva che 'ha rafforzato e reso più stringente il divieto per l'azienda di erogare compensi a politici che partecipano a trasmissioni televisive e radiofoniche', estendendolo anche alle società esterne che producono per la Rai" sottolinea in una nota Renato Brunetta.
"I vertici di Viale Mazzini ci avevano detto, dopo una giornata di sacrosante polemiche, che Varoufakis era stato contattato dalla Endemol - società esterna che produce 'Che tempo che fa' (società esterna? Anche qui ci sarebbero approfondimenti da fare) - e che da parte dell'azienda c'è stato solo un via libera editoriale" spiega però il capogruppo alla Camera di Forza Italia, aggiungendo: "Oggi ci raccontano che in fretta e furia hanno predisposto una direttiva per evitare il perpetrarsi di simili episodi".
"Le toppe, come si usa dire, sono peggio del buco. - denuncia infine l'esponente azzurro - Magari ci saremmo aspettati una parola chiarificatrice dal neo direttore generale Campo Dall'Orto o dalla neo presidente Monica Maggioni. O magari una predica di Fabio Fazio o una battuta di Luciana Littizzetto, o magari un bell'editoriale di Loris Mazzetti sul 'Fatto Quotidiano'. Nulla di tutto questo. Davanti ad un gravissimo episodio, come quello di Varoufakis a 'Che tempo che fa' a 24 mila euro, la Rai emana una ottocentesca direttiva e tenta di mettere la polvere sotto al tappeto. Fino al prossimo scandalo". Brunetta conclude: "Contro gli sprechi della tivù di Stato una sola strada da seguire: trasparenza per tutti, trasparenza su tutto. La chiediamo da anni: le leggi ci sono tutte, basta applicarle. E il governo Renzi anche su questo latita. Stop misteri e opacità. I cittadini italiani devono sapere, ne hanno il diritto, come vengono spesi i loro soldi versati alla Rai tramite il canone."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: