le notizie che fanno testo, dal 2010

Brunetta: per alleanza anti ISIS stop sanzioni Russi. Renzi lo chieda all'UE

"Lo Stato Islamico va combattuto con decisione e con unità. Ma per essere credibili serve una grande alleanza tra Stati Uniti, Europa, Russia e, se ci sta, Cina. Il primo passo è eliminare sanzioni alla Russia", spiega in un comunicato il capogruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati Renato Brunetta.

"Ieri sera, dopo l'informativa del governo alla Camera, abbiamo detto in Aula parole di chiarezza e di verità. Lo Stato Islamico va combattuto con decisione e con unità, l'Isis è il cancro, il male assoluto" ribadisce in una nota di Renato Brunetta, capogruppo a Montecitorio di Forza Italia.
"Va sradicato ed estirpato ovunque si annidi. Ma per essere credibili - precisa l'esponente forzista -, per essere determinanti in questo complicatissimo scenario, serve leadership dell'Europa e dei paesi occidentali uniti contro questa sciagura. Serve una grande alleanza tra Stati Uniti, Europa, Russia e, se ci sta, Cina. Il resto, ne siamo certi, verrà da sé."
"Per rendere possibile tutto questo - prosegue ancora -, per gettare le basi di questa alleanza serve un primo importantissimo segnale, un gesto magari anche simbolico che può sbloccare la situazione e favorire l'unita'."
"L'unica vera decisione di politica estera presa dall'Europa negli ultimi anni è stata quella di farci del male da soli colpendo la Federazione Russa con le sanzioni" sottolinea Brunetta, aggiungendo: "Una decisione miope e sbagliata. Ma adesso c'è la possibilità di resettare tutto e fondare proprio sulla rinuncia unilaterale dell'Europa alle sanzioni contro la Federazione Russa un nuovo inizio."
"E l'Italia, diciamo noi, - conclude il deputato - si dovrebbe fare portatrice, tramite il presidente Matteo Renzi, di questa richiesta di apertura e di buon senso. Avrebbe, in questo momento, un significato straordinario. Questo non vuol dire girare lo sguardo dall'altra parte nei confronti di quanto avvenuto in Ucraina, o in Crimea. Ma le sanzioni, a nostro avviso, non erano la risposta giusta, e non lo sono a maggior ragione oggi. Occorre voltar pagina e ricominciare."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: