le notizie che fanno testo, dal 2010

Poverini: solo se passa il piano si apre un'altra stagione

Renata Polverini è governatore del Lazio e commissario della sanità della Regione ad acta del governo, è questo non aiuta a placare le polemiche sul riordino del sistema sanitario.

Renata Polverini è governatore del Lazio e commissario della sanità della Regione ad acta del governo, è questo non aiuta a placare le polemiche sul riordino del sistema sanitario.
"Credo che dalla prossima settimana la sanità cambierà e ne saranno consapevoli tutti i cittadini a cominciare dai sindaci", afferma la Polverini ricordando che ad oggi "la Regione non ha competenze sul suo sistema sanitario".
Per la Polverini prima di tutto bisogna "recuperare le competenze" e si può fare solo "se questo piano passa" promettendo che "da lì si apre un'altra stagione".
Ma per Giulia Rodano, consigliere regionale di IdV e vicepresidente della Commissione Sanità "le scelte del piano sono sbagliate dal punto di vista dei bisogni di salute. Il riordino doveva andare nella direzione diametralmente opposta", spiega in una nota e afferma che la Polverini dovrebbe rispondere semplicemente "nel merito", per esempio su che "fine ha fatto l'ospedale dei Castelli" e perché "gli ospedali delle province saranno chiusi e lasceranno il posto ad ambulatori, spesso privi di attrezzature e di personale medico, ipocritamente definiti 'ospedali distrettuali di secondo livello' ".
Per Renata Polverini, invece, prima bisogna far "passare il piano" per poi essere in grado di sbloccare "i trasferimenti delle risorse, i fondi Fas per la copertura del debito" ma anche "il turn over" per poi pensare anche a "lavorare sulle strutture pubbliche".
La Polverini ricorda anche che il commissariamento è arrivato perché la precedente amministrazione avrebbe lasciato "un debito di 10 miliardi a cui se ne aggiungo svariati altri" e che "sono stati esauriti anche i fidi bancari per 2 milioni di euro dei primi mesi del 2010".
E intanto "diverse migliaia di cittadini di Monterotondo e di tutta la zona hanno partecipato al corteo di protesta contro il provvedimento della Polverini che vuole chiudere l'ospedale tagliando tutti posti letto" rende noto il segretario provinciale del PD e consigliere regionale Carlo Lucherini.
Il capogruppo del PD Esterino Montino scrive invece alla Polverini ricordandogli che se la manovra sulla sanità passerà per "cinquecentomila persone tra donne, uomini, anziani, bambini cambierà in peggio il rapporto con il sistema sanitario".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: