le notizie che fanno testo, dal 2010

Bossi: 4 Ministeri al Nord. Polverini: petizione per lasciarli a Roma

Da Pontida la Lega Nord sembra comincerà a raccogliere le firme per poter spostare alcuni Ministeri (Umberto Bossi parla almeno di quattro) da Roma al Nord. E il governatore del Lazio Renata Polverini annuncia una "contro" petizione popolare per mantenere invece i Ministeri a Roma.

Da Pontida dovrebbe prendere il via la raccolta firme, promossa dalla Lega Nord, per poter spostare alcuni Ministeri (Umberto Bossi parla almeno di quattro) da Roma al Nord. Quello del Lavoro il leader del Carroccio lo vorrebbe a Milano, perché afferma che è in quella città, e un po' in tutta la Lombardia, che "si lavora di più". Gli altri tre Ministeri da spostare dovrebbero essere quelli di Roberto Calderoli (per la Semplificazione normativa), quello di Giulio Tremonti (dell'Economia), e quello dello stesso Bossi (per il Federalismo), tutti da trasferire a Monza, a sentire il leader della Lega Nord. Ma Calderoli paventa anche altre possibilità, sottolineando che non vede il perché "l'Economia non possa avere sede a Milano o lo Sviluppo Economico a Torino, o l'Agricoltura a Mantova". "Voglio vedere come faranno a imperdilo", ha aggiunto sicuro Roberto Calderli. Ma se il governo sembra essere "sotto scacco" della Lega e delle richieste che avanzerà da Pontida, visto che finché non saranno esaudite sembra che non ci sarà pace con Berlusconi, qualcun'altro pare volersi oppore categoricamente. Il governatore del Lazio Renata Polverini, infatti, non sembra intenzionata a cedere nemmeno un Ministero, ed annuncia battaglia, anche lei a suon di firme. "Se la Lega chiama il popolo ad esprimersi anche noi abbiamo il dovere di farlo attraverso una petizione popolare e raccogliendo le firme per dire di mantenere i Ministeri a Roma - spiega la presidente della Regione Lazio Renata Polverini - Se quello è lo strumento col quale intendiamo misurarci lo faremo, anche perché se la vogliamo dire tutta è lo strumento migliore rispetto a questo dibattito quotidiano che inasprisce la politica e che le persone non capiscono più".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: