le notizie che fanno testo, dal 2010

Scienza e umanesimo? A Lo Stato dell'Arte, 20 luglio Rai5

"Oggi più che mai la scienza come esercizio specialistico ha bisogno di humanities, e oggi più che mai le humanities sono all'altezza della scienza. A 'Lo Stato dell'Arte', il programma di Rai Cultura in onda mercoledì 20 luglio alle 23.15 su Rai5", fa sapere in una nota la tv di Stato.

"Non siamo più nell'Ottocento - viene riportato in un comunicato dalla tv di Stato -, e nemmeno nel Novecento, in cui delle scienze troppo limitate e delle humanities troppo conservatrici si contendevano un campo e si contrapponevano come nemiche. Oggi più che mai la scienza come esercizio specialistico ha bisogno di humanities, e oggi più che mai le humanities sono all'altezza della scienza. Si può dire, allora, che c'è un nuovo umanesimo? A 'Lo Stato dell'Arte', il programma di Rai Cultura in onda mercoledì 20 luglio alle 23.15 su Rai5, Maurizio Ferraris ne parla con Filippo La Porta, saggista, giornalista e critico letterario, e Luca De Biase, giornalista e scrittore, responsabile di 'Nòva24', inserto dedicato alle tecnologie del 'Sole 24 Ore'."
La Rai continua infine: "Per Filippo La Porta l'umanesimo è una promessa di integrità e di felicità che chiede di essere mantenuta e che oggi sopravvive al di fuori dalla cultura libresca ed accademica, in luoghi e modi meno convenzionali. Luca De Biase, invece, sottolinea come l'essere uomini oggi debba fare i conti con due fatti fondamentali: che il nostro ambiente arricchito dall'informazione sia una 'infosfera' cui accediamo attraverso protesi che modificano il nostro corpo e che registrano tutto; e che, nell'infosfera, la selezione di ciò che è importante viene fatta attraverso algoritmi. Cultura oggi significa essere consapevoli di ciò e capaci di agire sulla produzione di questi algoritmi e sulle regole che governano i dati e le informazioni nella rete."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: