le notizie che fanno testo, dal 2010

Il diritto a non lavorare: dibattito a Lo Stato dell'Arte, 6 luglio Rai5

"Per la Costituzione, l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, il che comporta che tutti i cittadini dovrebbero avere il diritto di lavorare. Ma la Costituzione non si esprime su un altro diritto, quello di poter non lavorare. Quesiti al centro di 'Lo Stato dell'Arte in onda mercoledì 6 luglio alle 23.00 su Rai5", riferisce in una nota la Rai.

"Per la Costituzione - rivelano in una nota dalla Rai -, l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, il che comporta che tutti i cittadini dovrebbero avere il diritto di lavorare. Ma la Costituzione non si esprime su un altro diritto, quello di poter non lavorare, la cui importanza in tempi antichi era stata evidenziata da Platone e Aristotele, e che è stato oggetto di discussione in vari Stati sotto la voce 'reddito di cittadinanza' o 'reddito di base'."
"Il riconoscimento di questo diritto è economicamente sostenibile? E porterebbe davvero a un progresso civile? Quesiti al centro di 'Lo Stato dell'Arte' - si osserva dunque dalla tv pubblica di Stato -, il programma di Rai Cultura in onda mercoledì 6 luglio alle 23.00 su Rai5. Il conduttore Maurizio Ferraris ne parla con Giuseppe Bronzini, magistrato consigliere presso la sezione Lavoro della Corte Costituzionale, e Fabrizio Mattesini, professore ordinario di Economia Politica e direttore del Dipartimento di Economia e Finanza dell'Università di Roma 'Tor Vergata'."
"Giuseppe Bronzini chiarirà la distinzione tra reddito di cittadinanza - viene puntalizzato quindi -, erogato a tutti incondizionatamente, e reddito sociale minimo, ovvero l'attribuzione di una prestazione in denaro solo a chi ne ha effettivamente bisogno per combattere la povertà, il rischio di esclusione sociale e la dignità del soggetto in difficoltà."

"Il reddito minimo garantito è previsto dall'Unione europea come 'fundamental social right' dall'art. 34, e, sebbene non sia ancora direttamente applicabile nei vari Paesi, di fatto ne riassume le esperienze nazionali: tutti e 27 i Paesi dell'Unione europea, esclusa l'Italia, hanno un reddito minimo garantito che si fonda sulle loro Costituzioni nazionali. Per Fabrizio Mattesini, il reddito di cittadinanza è moralmente e politicamente non accettabile, oltre che non fattibile sotto il profilo finanziario. Perché percepire un reddito non è un 'diritto', ma il corrispettivo del contributo che ciascun cittadino dà alla produzione della società. Non fattibile perché, ad esempio, allo Stato italiano costerebbe qualcosa come 300 miliardi di euro" si prosegue.
Si rende noto infine: "Una proposta interessante è, invece, quella del 'reddito d'inclusione sociale', rivolto a tutte le famiglie che vivono in una situazione di povertà assoluta: dovrebbe essere accompagnato da servizi alla persona per l'attivazione e il reinserimento sociale, e dovrebbe essere concesso soltanto alle famiglie i cui membri ritenuti abili si siano effettivamente impegnati nella ricerca di un lavoro."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: