le notizie che fanno testo, dal 2010

Ancora Prove d'orchestra con i maestro Riccardo Muti: dal 4 agosto, Rai5

"Il Maestro Riccardo Muti è il protagonista del ciclo di lezioni dal titolo 'Prove d'orchestra', che Rai Cultura torna a proporre su Rai5 a partire da giovedì 4 agosto con un doppio appuntamento", informa in una nota la tv pubblica di Stato.

"Otto lezioni-concerto dedicate alla musica operistica e sinfonica, tenute davanti all'orchestra giovanile Cherubini da lui fondata. Il Maestro Riccardo Muti è il protagonista del ciclo di lezioni dal titolo 'Prove d'orchestra', che Rai Cultura torna a proporre su Rai5 a partire da giovedì 4 agosto con un doppio appuntamento, il giovedì in prima serata alle 21.15" viene illustrato in un comunicato dalla tv di Stato.
"In ogni puntata - si riferisce dalla Rai -, Muti dirige l'Orchestra Giovanile Cherubini, la compagine da lui fondata nel 2004, che porta il nome di uno tra i massimi musicisti italiani di tutti i tempi, attivo non solo in Italia ma in tutta Europa, esattamente come l'orchestra che ne porta il nome, sottolineando la propria identità nazionale ma anche l'inclinazione a una visione internazionale della musica e della cultura."

Si chiarisce dunque: "Quello proposto da Riccardo Muti e dai giovani musicisti dell'Orchestra Cherubini è un percorso alla scoperta di alcuni capisaldi della storia della musica e di gemme poco conosciute ma non per questo meno preziose. Un viaggio in otto tappe che alterna pagine sinfoniche e titoli d'opera. Nel doppio appuntamento che apre il ciclo saranno protagoniste due opere: 'Il matrimonio inaspettato' di Giovanni Paisiello, e 'Il ritorno di Don Calandrino', di Domenico Cimarosa, in onda alle 22.30. L'opera di Paisiello, autentico tesoro del Settecento musicale napoletano, è riportato in vita grazie alla volontà e all'impegno di Riccardo Muti, che lo ha diretto a Salisburgo, dove ha trovato un'accoglienza trionfale. Opera leggera 'ma piena di freschezza e umorismo' - come sottolinea Riccardo Muti - racchiude in sé raffinatezze orchestrali e tratti malinconici, pur basandosi su una trama giocosa. La seconda opera, 'Il ritorno di Don Calandrino', è una preziosa partitura dimenticata nella biblioteca del Conservatorio di Napoli, e riscoperta qui da Riccardo Muti."

"L'opera buffa il cui libretto è attribuibile a Giuseppe Petrosellini (conosciuto soprattutto come autore del Barbiere di Siviglia per Paisiello ), andata in scena per la prima volta nel 1778 al Teatro Capranica di Roma, è il frutto di un compositore che ha ormai varcato la soglia della notorietà, e si avvia ad essere annoverato tra i grandi operisti del proprio tempo" si osserva infine.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: