le notizie che fanno testo, dal 2010

La malattia mentale dopo i manicomi: le storie a Tg1Dialogo

Nuovo interessante appuntamento con Tg1 Dialogo, in onda sabato 20 maggio su Rai1.

"La realtà della malattia mentale a quasi 40 anni dalla legge Basaglia che portò alla chiusura dei manicomi. Le storie dei malati, l'aumento negli ultimi anni della mortalità (ad esempio legata alla depressione), le prospettive della cura di persone che ancora oggi in molti casi sono scartate, anche se non mancano iniziative positive mirate alla crescita, all'integrazione sociale, e alla valorizzazione di capacità e competenze" si fa sapere in una nota dalla Rai.

"Di questo si parla a Tg1 Dialogo, in onda sabato 20 maggio dalle 8:20 su Rai1, la rubrica a cura di Piero Damosso con il commento di padre Enzo Fortunato, direttore della rivista San Francesco, del sacro convento di Assisi, che spiega come, anche rispetto ai temi difficili del Welfare, la via francescana della 'spoliazione' di se stessi per riconoscere l'altro e costruire un rapporto autentico, rappresenti un radicale e necessario rovesciamento di prospettiva rispetto all'individualismo e al soggettivismo che generano solo indifferenza, discriminazioni, ingiustizie, abbandono", si anticipa.

"In studio Alberto Paolini, che per 42 anni ha vissuto nei manicomi e negli ospedali psichiatrici, soprattutto perché povero e orfano. Sulla sua vita e sulla sua resistenza, ha scritto un libro: 'Avevo solo le mie tasche'. Tra gli intervistati, Dario D'Ambrosi sul teatro come risposta, gli psichiatri Annelore Homberg, Giovanni Del Missier e Walter Gallotta" sottolinea in conclusione la tv di Stato.

© riproduzione riservata | online: | update: 19/05/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
La malattia mentale dopo i manicomi: le storie a Tg1Dialogo
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI