le notizie che fanno testo, dal 2010

ISIS e internet: "giochi di guerra" a Speciale Tg1, 7 febbraio Rai1

"Cinquemila combattenti dell'ISIS sono entrati in Europa e comunicano tra loro in codice via internet. Potrebbero presto effettuare attacchi informatici alle infrastrutture civili. L'allarme, lanciato dell'Europol, fa della rete un ambiente di guerra al terrorismo. Nello 'Speciale Tg1' di domenica 7 febbraio", segnala in una nota la tv pubblica.

"Cinquemila combattenti dell'ISIS sono entrati in Europa e comunicano tra loro in codice via internet. Potrebbero presto effettuare attacchi informatici alle infrastrutture civili. L'allarme - pubblica in un comunicato la Rai -, lanciato dell'Europol, fa della rete un ambiente di guerra al terrorismo. Senza più distinzione tra pubblico e privato, civile e militare. Senza più confini nazionali."
La tv di Stato divulga di seguito: "Come comunicano i terroristi in rete? Come possiamo difenderci? 'Internet ha fatto di ogni esperto informatico un soldato di un esercito invisibile e di ogni cittadino connesso un possibile bersaglio' dice Jamie Shea, capo delle sfide tecnologiche della NATO."
Si segnala: "Tutti i cittadini devono imparare a difendersi conoscendo a fondo i loro stessi smartphone. Il business intorno alla cybersecurity sarà di 170 miliardi di euro nei prossimi cinque anni: sei milioni di nuovi posti di lavoro."
"Nello 'Speciale Tg1' di domenica 7 febbraio - viene annunciato ancora -, alle 23.30, su Rai1, dal titolo 'Giochi di guerra', verrà mostrato un attacco informatico in diretta all'infrastruttura di in una cittadina italiana."
Si riferisce poi: "Esperti di livello internazionale - tra cui Salim Ismail, noto futurologo - racconteranno i rischi che corrono le aziende e i governi. Verrà analizzata anche la nuova mappa del potere che passa attraverso la gestione delle autostrade di internet e dei dati gestiti nei socialnetwork."
"Infine, il rischio di perdere la privacy: i dati dei cittadini, raccolti dalle grandi aziende tecnologiche globali e accessibili alle forze dell' intelligence mondiale, possono essere utilizzati per scopi economici, finanziari e politici" si spiega in ultimo nella nota.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: