le notizie che fanno testo, dal 2010

Rai1, I Giganti 29 agosto: con il Ficus del Museo Bicknel di Bordighera

"Sabato 29 agosto, alle 9.55 su Rai1, il Ficus del Museo Bicknel di Bordighera sarà il protagonista della nuova puntata de 'I Giganti'. È un albero che ha 'solo' cento anni ma dimostra come una pianta sub-tropicale possa trovare un habitat ideale nella Riviera ligure", riferiscono in un comunicato dalla tv pubblica di Stato.

"Sabato 29 agosto - scrive la tv di Stato -, alle 9.55 su Rai1, il Ficus del Museo Bicknel di Bordighera sarà il protagonista della nuova puntata de 'I Giganti'. È un albero che ha 'solo' cento anni ma dimostra come una pianta sub-tropicale possa trovare un habitat ideale nella Riviera ligure."
"Situato nel giardino del Museo Bicknel - precisa di seguito la Rai -, offre un'incredibile dimostrazione di forza: ha abbattuto parte del muretto che gli stava accanto. Questo si collega a qualcosa di tipicamente ligure. Non c'è molto spazio in questa regione che è una striscia di terra con le montagne a picco sul mare. Ogni conquista, come lo spazio ricercato da quest'albero, è stata strappata dall'uomo con incredibile forza. Questo si collega anche alla contaminazione di una regione aperta al mondo. C'è anche un aspetto difensivo, di chiusura che si ritrova in un dialetto molto stretto. Senso Tatto - Lavagna - Cantieri Sangermani. L'attività cantieristica Sangermani è nata alla fine del diciannovesimo secolo a Mulinetti, un paesino della Riviera di Levante vicino Recco, presso Genova."
"Il bisnonno Ettore 'Dorin' Sangermano volle costruire in proprio - si osserva in aggiunta -, nella piccola bottega che dava sul mare, una barca per suo figlio appena nato Cesare: era il 1896."
"Una storia incredibile che arriva sino a oggi dove nel cantiere di Lavagna si costruiscono scafi con materiali compositi avanzati. Senso Gusto - Il gusto per qualche cosa di insolito, che mescola i sapori dell'entroterra e il mare. Sanremo. La sardenaria" si prosegue.
Viene sottolineato poi: "È tipica di Ponente da Taggia a Ventimiglia – in particolare a Sanremo - la sardenaria è una focaccia con pomodori, che mescola i profumi dell'entroterra (basilico, maggiorana e timo in special modo), aglio e cipolla, capperi e olive taggiasche agli 'scarti' di mare come il saporitissimo machetto, una pappetta nata con i pezzi delle acciughe sottosale e olio ligure extravergine."
"Il nome sardenaria deriva dal condimento originario con le sarde. Senso Olfatto - Il profumo è quello della macchia mediterranea. In Liguria più del mare l'odore è quello che si sente quando si va a fare trekking su percorsi che diventano sentieri dei profumi. La location è l'Isola della Palmaria: un percorso di trekking nell'isola di fronte a Portovenere, uno dei luoghi più suggestivi della regione. Tra cave abbandonate e bunker della seconda guerra mondiale si trovano piante e arbusti unici. Senso Udito - La lingua genovese è il sottofondo che si sente come una cantilena ovunque. Che sia stata rappresentata dai poeti o dai cantautori il percorso da seguire è quello tra poesia e dialetto. Senso Vista – La vista come qualcosa che permette di comprendere e di abbracciare il mare, ma da un punto di vista diverso, inedito. Il mare che diventa un grandissimo indotto, ma è anche il luogo dove è necessario e indispensabile orientarsi e fare avvistamenti. Ecco perché si parlerà dei fari della Liguria come guardiani del mare ancora in attività, raccontati da un testimone speciale: l'ultimo farista operativo" si mette al corrente infine.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: