le notizie che fanno testo, dal 2010

Rai Storia: quando Gaetano Bresci uccise Umberto I di Savoia

"Il 29 Luglio 1900 il re Umberto I di Savoia viene ucciso dall'anarchico Gaetano Bresci, che gli spara contro tre colpi di pistola. Se ne parla a 'Il Giorno e la Storia ', il programma di Rai Cultura in onda mercoledì 29 luglio alle 24.40 e in replica alle 08.30, alle 11.30, alle 14.00 e alle 20.30, su Rai Storia", viene illustrato in una nota dalla tv pubblica di Stato.

"Il 29 Luglio 1900 il re Umberto I di Savoia viene ucciso dall'anarchico Gaetano Bresci, che gli spara contro tre colpi di pistola. Se ne parla a 'Il Giorno e la Storia ', il programma di Rai Cultura in onda mercoledì 29 luglio alle 24.40 e in replica alle 08.30, alle 11.30, alle 14.00 e alle 20.30, su Rai Storia, ch. 54 del Digitale Terrestre e ch. 23 Tivù Sat" viene comunicato dalla tv pubblica.
"Ospite della puntata il direttore de 'Il Tirreno' Omar Monestier. Il sovrano sta rientrando in carrozza nella sua residenza monzese dopo aver assistito a un saggio ginnico presso la società sportiva Forti e Liberi. L'assassinio avviene sotto gli occhi della popolazione festante. Bresci si lascia catturare senza opporre resistenza. I carabinieri debbono proteggerlo dal linciaggio della folla inferocita. Emigrato tempo prima a Paterson nel New Jersey - si informa in ultimo -, Bresci era rientrato con il preciso intento di uccidere il re. Intendeva vendicare la strage di manifestanti che reclamavano l'abolizione della tassa sul pane imposta dal governo, avvenuta a Milano nel 1898."

© riproduzione riservata | online: | update: 29/07/2015

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Rai Storia: quando Gaetano Bresci uccise Umberto I di Savoia
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI