le notizie che fanno testo, dal 2010

Rai:, Il Tempo e la Storia oggi 16 dicembre: Sacco e Vanzetti

"Due anarchici italiani, giustiziati sulla sedia elettrica nell'agosto del 1927: Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti. A loro e alla loro vicenda 'Il Tempo e la Storia' - il programma di Rai Cultura condotto da Massimo Bernardini - dedica la puntata in onda mercoledì 16 dicembre alle 13.10 su Rai3 e alle 20.50 su Rai Storia", riporta in un comunicato la tv pubblica.

"Due anarchici italiani, giustiziati sulla sedia elettrica nell'agosto del 1927: Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti. A loro e alla loro vicenda 'Il Tempo e la Storia' – il programma di Rai Cultura condotto da Massimo Bernardini – dedica la puntata in onda mercoledì 16 dicembre alle 13.10 su Rai3 e alle 20.50 su Rai Storia" viene divulgato in un comunicato dalla tv pubblica.
"Ospite, in studio, il professor Mauro Canali che parte dall'analisi del fenomeno dell'emigrazione italiana tra fine dell'800 e inizi del '900, e della condizione degli italiani d'America, per poi soffermarsi sulla nascita del sindacalismo anarchico con le prime lotte operaie alle quali contribuisce anche la comunità italo-americana" si prosegue.
Si divulga ancora: "Dopo l'ingresso degli Usa nella prima guerra mondiale, il mai sopito sentimento pacifista e anarchico riprende vigore attraverso manifestazione e atti di boicottaggio. In questo ambito operano Sacco e Vanzetti, impegnati attivamente nell'opera di diffusione del credo anarchico, fortemente osteggiato dal governo americano, soprattutto nell'immediato dopoguerra, tra 1919 e il 1920. E' proprio in questo periodo di duro confronto, intriso di spiccata xenofobia e avversioni per gli italiani, che matura il loro arresto, per duplice omicidio, avvenuto nel 1920. A partire dal quel momento saranno protagonisti un lungo percorso giudiziario durato sette anni, caratterizzato da pregiudizi e da decisioni prive di reali elementi probatori, e terminato con la condanna a morte. Una vicenda di cui si occupa anche Benito Mussolini che, dal 1922, attraverso l'ambasciatore italiano a Washington, Caetani, cerca di fare di tutto per salvare la vita ai due condannati."
Si comunica infine nella nota: "Il caso Sacco e Vanzetti, anche per la sua evidente anomalia, diventa ben presto un affaire a dimensione planetaria che vede il coinvolgimento vano di numerose personalità, impegnate a tentare di ribaltare i verdetti giudiziari di condanna, comminati per il solo fatto che i due imputati sono anarchici e italiani."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: