le notizie che fanno testo, dal 2010

Rai 5, Lo stato dell'arte 10 novembre: se le facoltà umanistiche sono una perdita di tempo

"Un ministro belga ha proposto recentemente di escludere i laureati delle facoltà umanistiche dal godimento dei sussidi sociali. Il motivo? Sono loro che, scegliendo quelle facoltà, si sono votati alla disoccupazione. A 'Lo stato dell'arte', il programma di Rai Cultura in onda martedì 10 novembre alle 23.15 su Rai5", si informa in una nota dalla Rai.

"Un ministro belga ha proposto recentemente di escludere i laureati delle facoltà umanistiche dal godimento dei sussidi sociali. Il motivo? Sono loro che, scegliendo quelle facoltà, si sono votati alla disoccupazione. Ma davvero le facoltà umanistiche sono inutili, se non dannose, oppure sono un elemento indispensabile per la crescita, il governo e la formazione della classe dirigente di una società, com'è accaduto dai tempi di Platone e dei mandarini e sino all'avvento delle società di massa? A 'Lo stato dell'arte', il programma di Rai Cultura in onda martedì 10 novembre alle 23.15 su Rai5, Maurizio Ferraris ne parla con Mariangela Galatea Vaglio, insegnante, e Stefano Feltri, giornalista e vicedirettore del Fatto Quotidiano" viene anticipato attraverso una nota dalla tv pubblica di Stato.
"Dati di Alma Laurea alla mano, Mariangela Galatea Vaglio dimostra che nessuna laurea garantisce un lavoro, ma comunque, sul lungo periodo, qualunque laurea - anche a indirizzo umanistico - assicura un lavoro più stabile e meglio retribuito. Al di là dei risvolti pratici, forse vale la pena di soffermarsi sul concetto di utile: qualsiasi società avanzata produce pensieri complessi, investe in bellezza, in arte e in cultura. In ogni caso, anche qualora non fossero utili al singolo per trovare lavoro, le facoltà umanistiche sono fondamentali per una Nazione. Di diverso avviso Stefano Feltri, secondo cui il contesto competitivo in cui viviamo ci obbliga a fare la scelta della facoltà giusta, ovvero quella che ci consenta di acquisire competenze spendibili in un contesto internazionale. E' un dato di fatto che le prospettive di occupazione e di reddito siano molto diverse tra le diverse facoltà, e che le lauree umanistiche siano da questo punto di vista un cattivo investimento finanziario" viene rivelato infine.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: