le notizie che fanno testo, dal 2010

Il Tempo e la Storia 6 ottobre: Roosvelt e il Newdeal

"Una risposta alla durissima crisi economica e sociale che nel 1929 travolge gli Stati Uniti. È il New Deal, il 'nuovo patto' che il Presidente Franklin Delano Roosevelt, all'inizio degli anni Trenta, promuove per risollevare le sorti del Paese, aprendo un nuovo corso della storia americana. A 'Il Tempo e la Storia', il programma di Rai Cultura in onda martedì 6 ottobre alle 13.10 su Rai3 e alle 20.50 su Rai Storia", scrive in un comunicato la tv pubblica di Stato.

"Una risposta alla durissima crisi economica e sociale che nel 1929 travolge gli Stati Uniti. È il New Deal, il 'nuovo patto' che il Presidente Franklin Delano Roosevelt, all'inizio degli anni Trenta, promuove per risollevare le sorti del Paese, aprendo un nuovo corso della storia americana" pubblica in una nota la tv di Stato.
Viene evidenziato: "Un grande progetto politico di riforme del sistema economico che il professor Ernesto Galli della Loggia rilegge con Massimo Bernardini a 'Il Tempo e la Storia', il programma di Rai Cultura in onda martedì 6 ottobre alle 13.10 su Rai3 e alle 20.50 su Rai Storia."
"Dopo la fine della Prima guerra mondiale gli Stati Uniti si impongono come grande potenza mondiale e non si aspettano di dover affrontare il periodo buio iniziato con il crollo della Borsa di New York il 24 ottobre 1929" si prosegue.
Viene spiegato al termine: "Quel giovedì nero le azioni subiscono il primo crollo e nei giorni seguenti a Wall Street si scatena il panico. In breve tutta l'economia del Paese precipita nella Grande Depressione. Il 4 marzo 1933, mentre il Paese è sul baratro, Franklin Delano Roosevelt inizia il suo mandato come Presidente degli Stati Uniti, tenendo un cruciale discorso d'inaugurazione. Poi, nei primi '100 giorni' della sua amministrazione, mette in atto una serie di riforme d'emergenza che riescono a tamponare la crisi in corso. Il primo settembre 1939 in Europa scoppia la Seconda Guerra Mondiale. Gli Stati Uniti inizialmente ne restano fuori, ma il nuovo impulso all'industria bellica che comunque ne deriva, negli anni seguenti, trascinerà l'economia del Paese finalmente fuori dalla Grande Depressione."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: