le notizie che fanno testo, dal 2010

Il Tempo e la Storia 24 novembre: il qualunquismo e il suo movimento

"Il movimento dell'Uomo Qualunque, fondato dal giornalista e drammaturgo Guglielmo Giannini. A 'Il Tempo e la Storia' il programma di Rai Cultura in onda martedì 24 novembre alle 13.10 su Rai3 e alle 20.50 su Rai Storia, Massimo Bernardini ne parla con il professor Francesco Perfetti", annuncia in un comunicato la tv di Stato.

"L'uomo della strada, l'uomo stanco della politica, dell'ideologia, delle finte promesse: l'uomo qualunque. Un 'personaggio' protagonista della 'rivoluzione qualunquista': un movimento di opinione che nell'immediato dopoguerra si trasforma in partito politico e raggiunge un tale consenso elettorale da presentarsi come terza forza politica dopo la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista" ricordano in un comunicato dalla Rai.
"A 'Il Tempo e la Storia' - dà dunque rilievo la tv pubblica di Stato -, il programma di Rai Cultura in onda martedì 24 novembre alle 13.10 su Rai3 e alle 20.50 su Rai Storia, Massimo Bernardini ne parla con il professor Francesco Perfetti. Il movimento dell'Uomo Qualunque, fondato dal giornalista e drammaturgo Guglielmo Giannini, vede la luce il 27 dicembre 1944 con l'uscita del primo numero del settimanale 'L'uomo qualunque', giornale di riferimento del nuovo movimento di opinione. Il 16 Febbraio 1946, il congresso di Roma lo trasforma in un vero e proprio partito politico che raccoglie ampi consensi sia alle elezioni per l'Assemblea Costituente che alle amministrative romane."
Viene reso pubblico in conclusione: "Il partito si presenta, poi, alle elezioni del 18 Aprile 1948, polarizzate dal grande scontro tra la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista: per il partito guidato da Giannini pochi consensi e l'uscita definitiva dalla scena politica italiana. A 'Il Tempo e la Storia' anche un' intervista a Sabina Ciuffini, nipote di Giannini, che ricorda la figura del nonno e i suoi valori e propone una riflessione sull'attuale situazione politica italiana e sulla cosiddetta 'antipolitica'."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: