le notizie che fanno testo, dal 2010

Giornata contro violenza donne 2015: "diciamo basta!" con Alba Rohrwacher su Rai Storia

"Donne che si sono opposte alla violenza e che lottano per vedere riconosciuti i propri diritti sociali. Voci che Alba Rohrwacher presenta in 'Diciamo basta!' che Rai Cultura propone nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, mercoledì 25 novembre alle 11.50, alle 16.00 e alle 20.30 su Rai Storia", riferiscono in una nota dalla tv pubblica.

"Donne che si sono opposte alla violenza e che lottano per vedere riconosciuti i propri diritti sociali. Voci che Alba Rohrwacher presenta in 'Diciamo basta!' che Rai Cultura propone nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne - riferisce in una nota la tv di Stato -, mercoledì 25 novembre alle 11.50, alle 16.00 e alle 20.30 su Rai Storia. Tra le storie, quella di Nada Al-ahdal, la bambina undicenne yemenita che la scorsa estate ha totalizzato migliaia di visualizzazioni sul web con un messaggio al mondo in cui rifiutava le nozze con un uomo saudita, e a quella di Manal Al-Sharif, attivista saudita che ha trasgredito la convenzione sociale che vieta alle donne saudite di guidare l'auto lanciando una vera e propria campagna."
"E ancora - si prosegue dunque -, le voci di Silvia Guberti, comandante di Compagnia al 1° Reggimento di artiglieria di Fossano, che ha guidato i progetti di istruzione e imprenditoria del Female Engagement team in favore delle donne di Herat, in Afganistan; della dott.ssa Anna Costanza Baldry, criminologa responsabile degli sportelli anti-stalking Differenza Donna di Roma, e di Nadia Folli e Matilde Guberti, operatrici dell'Unità di strada Avenida di Caritas ambrosiana di Milano, riprese in una delle loro uscite notturne settimanali in cui incontrano le donne vittime di tratta costrette a prostituirsi."
"La programmazione di Rai Storia per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne prevede, inoltre, alle 19.30, 'Una giornata particolare. Dacia Maraini: la violenza'. La scrittrice racconta la condizione della donna per indagare le diverse declinazioni della violenza: da quelle apparentemente più subdole a quelle più dichiaratamente latenti. Nella puntata, i molti aspetti della violenza – fisica e psicologica – ma anche le storie di 'donne coraggio', che si sono ribellate alla mafia o alla propria condizione di subordinazione e sono state barbaramente uccise" viene riferito in ultimo nel comunicato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: