le notizie che fanno testo, dal 2010

Ci tocca anche Sgarbi? No, la Rai lo chiude. Un brindisi di troppo

"Ci tocca anche Sgarbi", il programma del noto critico nonché politico, è stata sospesa perché la prima puntata ha fatto troppi pochi ascolti. Forse a non portargli troppa fortuna quel brindisi dopo la prima puntata da Berlusconi, quando i dati Auditel non erano ancora arrivati.

"Ci tocca anche Sgarbi", il programma del noto critico nonché politico, è stata sospesa perché la prima puntata ha fatto troppi pochi ascolti. Per l'esattezza, poco più di due milioni di telespettatori, cioè meno della metà di quello che Rai 1 riesce a fare in prima serata, e solo l'8,27% di share. Viale Mazzini così ha deciso di non rischiare (doveva andare in onda una seconda puntata per poi riprendere a settembre) e ha comunicato a Vittorio Sgarbi la sua decisione, che il conduttore ha "condiviso", specifica la nota della Rai. "Io accetto tutto, sono colpevole ma non pentito - spiega Vittorio Sgarbi, commentando la decisione - e non avrei voluto fare altro, sapevo bene quello che volevo fare e non chino il capo. Tornerò in prima serata e continuerò a parlare di cultura, di arte e letteratura. Non lo considero affatto un fallimento. Masi mi ha chiamato ed era entusiasta". Meno entusiasti sembrano essere coloro che cominciano a porsi delle domande sui costi che la Rai ha supportato per mettere in onda "Ci tocca anche Sgarbi". Roberto Rao, capogruppo Udc in Vigilanza, chiede per esempio "quanto sia costata e quanto ancora costerà all'azienda questa operazione". "Su questo la Rai deve fare chiarezza - continua Rao - specificando, come prevede il Contratto di servizio, se si tratta di risorse derivanti dal canone o dalla raccolta pubblicitaria, cioè se è denaro pubblico o un investimento commerciale sbagliato". E c'è già nell'ambiente chi scherza sul perché gli ascolti siano stati così deludenti. Vittorio Sgarbi e tutto lo staff, infatti, sono stati ospiti di Silvio Berlusconi, a Palazzo Grazioli, per brindare l'avvio della trasmissione subito dopo la messa in onda della prima puntata. Ma, come è noto, alzare i calici prima di avere in mano i dati Auditel non ha mai portato troppo bene. E questa non sembra essere stata l'eccezione che conferma la regola.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: