le notizie che fanno testo, dal 2010

Chiesa Rio fa causa a Rai per spot con Cristo Redentore in maglia azzurra

Per settimane la Rai ha mandato in onda una pubblicità per promuovere i Mondiali 2014 in Brasile che terminava con l'immagine della statua del Cristo Redentore sita sul monte Corcovado a Rio de Janeiro che vestiva, come un tifoso qualsiasi, la maglia della nazionale italiana. Nessuno, almeno in Italia, si è scandalizzato per uno spot al limite della blasfemia. Ma la Chiesa di Rio ha chiesto un risarcimento alla Rai tra i 5 ed i 7 milioni di euro.

Finalmente qualcuno si è accorto della strumentalizzazione del Cristo Redentore che sovrasta la città di Rio de Janeiro. Per settimane la Rai ha mandato in onda una pubblicità per promuovere i Mondiali 2014 in Brasile che terminava con l'immagine della statua del Cristo Redentore sita sul monte Corcovado che vestiva, come un tifoso qualsiasi, la maglia della nazionale italiana. Nessuno, almeno in Italia, si è scandalizzato per uno spot al limite della blasfemia. La pubblicità è arrivata però fino in Brasile, e l'Acidiocesi di Rio de Janeiro ha fatto causa alla Rai chiedendo un risarcimento tra i 5 ed i 7 milioni di euro per "l'illecito" spot. "L'Arcidiocesi è indignata" per la violazione religiosa e per aver strumentalizzato un simbolo nazionale, sottolinea Alexandro Maria Tirelli, l'avvocato italiano che ha inviato la notifica alla Rai su richiesta di Rodrigo Grazioli, avvocato di San Paulo assunto come proprio difensore dall'Arcidiocesi di Rio de Janeiro. Tirelli ha spiegato di aver anche contattato la Rai lo scorso venerdì, anticipando che apparentemente lo spot è stato ritirato dalla programmazione. L'avvocato italiano ha sottolineato che l'Arcidiocesi utilizzerà l'eventuale risarcimento della Rai per "l'utilizzo non autorizzato già consumato" dell'immagine del Cristo Redentore per opere di carità della Chiesa. Tirelli precisa infatti che la denuncia nei confronti della Rai non è certo a scopo di lucro, visto che l'Arcidiocesi di Rio ha per esempio rifiutato 2 milioni di dollari offerti da un marchio mondiale di articoli sportivi che gli aveva proposto di far indossare alla statua del Cristo Redentore le proprie magliette. La Rai, invece, a quanto pare non ha neanche avvisato l'Arcidiocesi di Rio dello spot, visto che i brasiliani se ne sarebbero accorti vedendo i video su Youtube.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: