le notizie che fanno testo, dal 2010

Viaggio nella Bellezza dei valori di Antonio Cederna, a 20 anni dalla scomparsa

Al via la nuova edizione di 'Italia. Viaggio nella Bellezza', in onda da lunedì 23 gennaio su Rai Storia.

"Etica, responsabilità, impegno civile. Erano questi i valori di Antonio Cederna, intellettuale intransigente, un precursore, un combattente di mille battaglie per la cura del patrimonio paesaggistico e monumentale del nostro Paese. Parte dal racconto della sua figura, a vent'anni dalla scomparsa, la nuova edizione di 'Italia. Viaggio nella Bellezza', il programma realizzato da Rai Cultura in collaborazione con il MiBACT - in onda da lunedì 23 gennaio alle 22.10 su Rai Storia - alla scoperta di tesori inaccessibili, dimenticati, da restituire alla fruizione pubblica" si rende noto dalla Rai.

Viene ricordato dunque: "Nato a Milano nel 1921, da una famiglia della colta borghesia meneghina, fratello della giornalista Camilla, Antonio Cederna, dopo la laurea in archeologia, comincia a scrivere per la nuova pubblicazione 'Il Mondo' di Mario Pannunzio."

Si illustra: "È un giornale di memorabili battaglie civili, che Cederna fa sue già dai suoi primi articoli. Una delle sue prime battaglie è per impedire lo sventramento del centro storico di Roma, avallato in epoca fascista per modernizzare la capitale. La mobilitazione, che coinvolge intellettuali di primo piano ed esponenti del mondo dello spettacolo, ha successo ed evita interventi che stravolgerebbero la zona attorno a Piazza di Spagna. Sempre dalle pagine de 'Il Mondo', Cederna inizia quella che diventerà una delle sue battaglie più lunghe, appassionate e tenaci: quella per la salvaguardia e la tutela dell'Appia Antica. Una battaglia che lo vedrà impegnato per oltre quarant'anni anni, con oltre centoquaranta articoli dedicati all'antica strada romana, e che gli varrà il nome di 'Appiomane'. Questa battaglia non ha mai impedito a Cederna di impegnarsi contemporaneamente su diversi fronti. Nell'Italia del boom, che cresce con ritmi vertiginosi, senza rispetto per il paesaggio e l'ambiente, tutti i centri storici delle principali città italiane sono a rischio. Inoltre, le maggiori città italiane crescono senza alcuna pianificazione, obbedendo a un'unica regola: il massimo sfruttamento economico d'ogni porzione di suolo. Il risultato sono spesso quelli che Cederna considera i più 'turpi e inumani quartieri d'Europa'."

Si riporta inoltre: "Nel 1962 il ministro dei lavori pubblici del governo di centro-sinistra Fiorentino Sullo presenta uno schema di legge urbanistica che cerca di contrastare lo strapotere della speculazione fondiaria, ma nel 1963, a causa delle pressioni delle grandi lobbie, la Democrazia Cristiana finisce per sconfessare il suo ministro e il disegno di legge viene lasciato cadere."

Si puntualizza in conclusione: "Nonostante questa battuta d'arresto, Cederna continuerà le sue battaglie urbanistiche: rendere le periferie più vivibili e tutelare i vecchi centri storici. Di queste battaglie alcune sono state vinte, altre perse, altre sono ancora attuali e rimangono in attesa che qualcuno le faccia proprie."

© riproduzione riservata | online: | update: 21/01/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Viaggio nella Bellezza dei valori di Antonio Cederna, a 20 anni dalla scomparsa
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI