le notizie che fanno testo, dal 2010

Il tempo che non passò mai durante la Grande Guerra: seconda serata 5 febbraio Rai Storia

"Il tempo: il fattore che ha cambiato radicalmente le menti e i cuori degli uomini, partiti per la Prima Guerra Mondiale convinti di restarci poche settimane e risucchiati per cinque lunghi anni, invece, nell'orrore della trincea e della morte", segnalano in un comunicato dalla Rai.

"Il tempo: il fattore che ha cambiato radicalmente le menti e i cuori degli uomini, partiti per la Prima Guerra Mondiale convinti di restarci poche settimane e risucchiati per cinque lunghi anni, invece, nell'orrore della trincea e della morte. Una profonda ferita collettiva raccontata nella puntata di 'A 100 anni dalla Grande Guerra', presentata da Paolo Mieli, con la conduzione di Carlo Lucarelli e la consulenza storica di Antonio Gibelli e Mario Isnenghi, in onda venerdì 5 febbraio alle 22.30 su Rai Storia. - riferisce in un comunicato la tv di Stato - La memoria della Grande Guerra viene restituita, con estrema intensità e precisione, dalle pagine di grandi scrittori e poeti come Carlo Emilio Gadda, Emilio Lussu, Carlo Salsa e Giuseppe Ungaretti, da memoriali e dai diari che sono, in assenza di testimoni ancora in vita, gli unici strumenti in grado di raccontare la vicenda che cambiò la storia e le sorti del mondo."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: