le notizie che fanno testo, dal 2010

Egitto, AbdelRahman Mansour sul caso Regeni: a Radio3Mondo, 7 luglio

"Il suo nome è Abdelrahman Mansour, ed è un attivista egiziano per i diritti e la democrazia. E' un blogger, ed è stato co-amministratore di 'We are all Khaled Said', la più grande pagina politica su Facebook di tutto il Medio Oriente. AbdelRahman Mansour ora si trova in Italia e le ragioni della sua visita riguardano il caso Regeni. Se ne parla a 'Radio3Mondo'", rivela in un comunicato la Rai.

"Il suo nome è Abdelrahman Mansour, ed è un attivista egiziano per i diritti e la democrazia. E' un blogger, ed è stato co-amministratore di 'We are all Khaled Said', la più grande pagina politica su Facebook di tutto il Medio Oriente" informano in una nota dalla Rai.
La tv pubblica continua: "Khaled Said, un egiziano di 28 anni originario della città costiera di Alessandria, sarebbe stato torturato fino alla morte per mano di due poliziotti che volevano perquisirlo in base a quanto consente la legge d'emergenza. La pagina Facebook dedicata a Khaled promosse e diffuse l'appello per la mobilitazione del 25 gennaio 2011 - la grande ondata di manifestazioni e proteste popolari che portò alla caduta del dittatore Mubarak. AbdelRahman Mansour ora si trova in Italia e le ragioni della sua visita riguardano il caso Regeni."

«L'aumento senza precedenti della repressione di stato e della violenza in Egitto nei mesi recenti, che ora colpisce anche cittadini europei, ha ricevuto da febbraio una crescente attenzione. Anche io sostengo la richiesta per una inchiesta indipendente ed imparziale per il rapimento, la tortura e l'omicidio di Giulio Regeni. I suoi assassini, per la legge e la Costituzione egiziana, dovrebbero essere chiamati a rispondere dei loro crimini», spiega Mansour, aggiungendo che ci sono migliaia di casi analoghi a quello di Giulio.
"Il regime attuale ha esercitato una vasta scala di repressione di stato contro ogni forma di dissenso pacifico in Egitto, mentre l'impunità delle forze di sicurezza per i crimini di sparizione forzata, tortura e uccisioni extra-giudiziarie, continuano su base quotidiana. Giovedì 7 luglio alle 11.00 su Rai Radio3 Anna Mazzone ne parla a 'Radio3Mondo' con AbdelRahman Mansour. E poi il 54mo anniversario dell'indipendenza in Algeria. Se ne parla con Francesco Trombetta, economista e consulente nel settore Oil and Gas" viene precisato in conclusione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: