le notizie che fanno testo, dal 2010

Bosnia, il soft power della Turchia: focus a Radio3Mondo, 13 maggio

"Dopo oltre vent'anni è stata riaperta ufficialmente la moschea di Banja Luka, meglio nota come Ferhadija, distrutta dalle truppe serbo-bosniache nel 1993. Migliaia di persone sono giunte a Banja Luka da tutta la Bosnia Erzegovina. Giovedì 12 maggio a Radio3Mondo, in onda alle 11.00 su Rai Radio3", riferisce in una nota la Rai.

"Dopo oltre vent'anni è stata riaperta ufficialmente la moschea di Banja Luka, meglio nota come Ferhadija, distrutta dalle truppe serbo-bosniache nel 1993. - si fa sapere in un comunicato dalla Rai - Migliaia di persone sono giunte a Banja Luka da tutta la Bosnia Erzegovina per assistere alla riapertura. Tra le autorità presenti anche il primo ministro turco dimissionario Ahmet Davutoğlu che ha dichiarato: 'La riapertura di questa moschea è un messaggio di pace per tutti i popoli di Bosnia Erzegovina e del resto del mondo'."
Dalla tv di Stato viene precisato dunque: "Il suo intervento è stato di gran lunga il più acclamato, il che palesa il ruolo di particolare influenza, se non altro culturale, che la Turchia sta ricavandosi nel Paese. La Turchia è stata tra i principali contributori alla ricostruzione della moschea di Ferhadija: la TIKA, l'agenzia di cooperazione di Ankara, ha versato più di un milione di euro per sostenerne il costo totale, che è stato di circa cinque milioni."
Si precisa in conclusione: "Giovedì 12 maggio a Radio3Mondo, in onda alle 11.00 su Rai Radio3, Luigi Spinola ne parla con Rodolfo Toè, giornalista freelance, collabora con l'Osservatorio Balcani e Caucaso e con il Courrier des Balkans, in collegamento da Sarajevo. Come ogni giovedì torna l'appuntamento settimanale con la campagna di Amnesty International sposata da Radio3 per offrire aggiornamenti sul caso e sulle indagini, ma anche per raccogliere ricordi e testimonianze e per informare sulle iniziative in memoria di Giulio Regeni."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: