le notizie che fanno testo, dal 2010

Teho Teardo e Blixa Bargeld ospiti di King Kong; su Radio1, 29 aprile seconda serata

"King Kong, lo spazio musicale di Rai Radio1 condotto da Silvia Boschero, in onda dalle 23.00 ospita venerdì 29 aprile Teho Teardo, uno dei maggiori compositori di colonne sonore in Italia, e il musicista tedesco Blixa Bargeld, sperimentatore con gli Einstürzende Neubauten e collaboratore per anni di Nick Cave", rivela in una nota la tv di Stato.

"King Kong, lo spazio musicale di Rai Radio1 condotto da Silvia Boschero, in onda dalle 23.00 ospita venerdì 29 aprile Teho Teardo, uno dei maggiori compositori di colonne sonore in Italia, e il musicista tedesco Blixa Bargeld, sperimentatore con gli Einstúrzende Neubauten e collaboratore per anni di Nick Cave. I due straordinari musicisti presenteranno il loro secondo progetto di canzoni, 'Nerissimo', che porteranno in tour in Italia e nel mondo a partire dal 4 maggio (a Roma, Quirinetta)" viene esposto in un comunicato dalla tv di Stato.
«Teho e Blixa tornano con un disco di canzoni nuove, cantate in tedesco, inglese e italiano. Nerissimo è il superlativo di nero e c'è qualcosa di piuttosto nero circa la musica in questo album. Non nel senso di dark, aggettivo spesso usato per definire certe sonorità, ma esattamente come accade con il colore nero, che contiene tutti gli altri colori, così questa musica racchiude una moltitudine di possibilità. 'Nerissimo' è anche il titolo del brano che apre il disco in inglese e lo chiude, come tra due parentesi, in italiano. Un passaggio temporale tra le lingue che collegano sempre più intimamente Roma e Berlino, dove l'album è stato registrato. Un attraversamento degli ultimi tre anni di lavoro insieme per Teho e Blixa. Un disco che è anche una storia notturna di apparizioni, di colori che scompaiono dal mondo soltanto nominandoli, di voli aerei con le luci spente in cabina, di oggetti la cui simbologia rappresenta le passioni e gli interessi dei due artisti (a partire dagli oggetti riprodotti sulla copertina ); una sorta di racconto attraverso gli oggetti, gli spostamenti continui ed i ritrovamenti di suoni, anche casuali. Suoni intercettati nello spazio di questi tre anni e che sono finiti nel disco come interferenze che hanno messo in discussione la struttura di alcune canzoni, comportando un adattamento di queste all'invasione dei corpi sonori estranei» viene sottolineato infine.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: