le notizie che fanno testo, dal 2010

Ddl Delrio Province: ok dal Senato. Entro 7 aprile voto alla Camera

Con 160 sì e 133 no il governo ottiene al Senato la fiducia sul ddl Delrio sulle Province. Con il Ddl Delrio, in attesa della riforma costituzionale, gli organi provinciali non saranno più eletti dai cittadini.

Con 160 sì e 133 no il governo ottiene al Senato la fiducia sul ddl Delrio sulle Province. Il provvedimento torna ora alla Camera in terza lettura, ed è probabile che verrà posta la fiducia anche a Montecitorio visto che il provvedimento scade il 7 aprile. Con il ddl Delrio le Province non vengono ovviamente abolite, visto che per questo serve una riforma costituzionale. Gli organi provinciali si trasformano però in enti di secondo grado, mentre alcune delle funzioni delle Province passeranno a Comuni e Regioni. Inoltre, una volta approvato il ddl Delrio istituirà dieci Città metropolitane. Il governo Renzi è intenzionato ad abolire il titolo V della Costituzione, e così nel ddl Delrio viene previsto il fatto che le Province in scadenza saranno prorogate fino al 31 dicembre 2014, spostando al 1 gennaio 2015 il momento in cui le nuove Città metropolitane entreranno a pieno regime. Inoltre, le Province già commissariate continueranno ad esserlo. In altre parole, in attesa della riforma costituzionale, gli organi provinciali non saranno più eletti dai cittadini.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: