le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi: Protezione Civile non andrà più in Abruzzo

Il premier Silvio Berlusconi dichiara che non manderà più la Protezione Civile in Abruzzo finché non sarà più indagata per omicidio colposo.

In merito alle vicende giudiziarie sul mancato allarme in Abruzzo per il terremoto, l'inchiesta che sta seguendo i fatti ha emesso sette avvisi di garanzia verso la Protezione Civile, tra cui alcuni vertici, perché nella riunione della Commissione Grandi Rischi del 31 marzo 2009 pare che questa non abbia adottato tutte le misure di sicurezza necessarie. E cinque giorni dopo arrivò la scossa di terremoto in Abruzzo. Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi scende in campo e afferma che non manderà più la Protezione Civile in Abruzzo finché rimarrà il capo d'accusa di omicidio colposo. Silvio Berlusconi dice che altrimenti i ragazzi della Protezione Civile potrebbero essere in pericolo, e qualcuno di "mente fragile" potrebbe anche arrivare a sparargli. Al massimo, consigli Silvio Berlusconi, possono recarsi nei luoghi terremotati senza "insegne o almeno senza rendersi riconoscibili".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: