le notizie che fanno testo, dal 2010

Umbria Jazz: arriva Prince, e si spera nell'"aftershow"

Prince Rogers Nelson, il folletto di Minneapolis, sarà a Perugia ad Umbria Jazz venerdì 15 luglio. Il polistrumentista statunitense di nuovo in Italia dopo che il suo ultimo album, "20Ten", non è stato pubblicato "gratis" in nessuna rivista tricolore.

Prince torna in Italia ad Umbria Jazz venerdì 15 Luglio a Perugia. Il folletto di Minneapolis è atteso da migliaia di fan che lo aspettano all'Arena Santa Giuliana, tanto che i biglietti sono praticamente esauriti. Prince in concerto è sempre un'esperienza "totale" e spesso molti artisti, nella sua carriera ormai lunga 35 anni, sono andati a "studiarlo" dal vivo. Spesso, ad esempio, un vero animale da palcoscenico come Phil Collins cita i concerti di Prince, quasi come fossero "pietra di paragone" con cui un performer deve fare i conti. Il curriculum vitae di Prince Rogers Nelson, classe 1958, è fatto di 40 album "ufficiali" ed una sterminata produzione "nascosta" che pare sia composta da album e video perfettamente pronti dentro la mitica "cassaforte" dell'artista (detta dai fan "The Vault"). Per capire quanto Prince possa essere "particolare" nel panorama musicale, si pensi solamente che Miles Davis lo chiamava "il nuovo Duke Ellington". L'ultimo album di Prince "20Ten" del 2010 è stato allegato gratuitamente alle riviste di mezza Europa (tranne, emblematicamente, l'Italia) e ha sollevato parecchie polemiche per la dichiarazione dell'artista: "Internet è come MTV: una volta era di moda, adesso è superato". Prince è un artista imprevedibile che spesso, dopo il concerto "per tutti", ha intrattenuto in piccoli locali i fan con lunghi "aftershow" a base di jam session e improvvisazione. Chissà se Perugia ispirerà il Folletto di Minneapolis per un "fuori orario" dei suoi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: