le notizie che fanno testo, dal 2010

Nobel al grafene cugino del fullerene di Google

I grafene è il materiale più sottile del mondo con delle proprietà eccezionali proprio come il fullerene che Google aveva celebrato con il suo doodle poco tempo fa. Tutti e due i materiali sono forme di carbonio, il grafene ha fruttato il Nobel per la Fisica a Andre Geim e Konstantin Novoselov.

Il mondo si sta appassionando al grafene, nome affascinante di un materiale che, come dice Wikipedia "è costituito da uno strato monoatomico di atomi di carbonio (avente cioè uno spessore equivalente alle dimensioni di un solo atomo)".
"Per i pionieristici esperimenti riguardanti il grafene" è stato assegnato il premio Nobel per la Fisica 2010 ad Andre Geim e Konstantin Novoselov due scienziati di origine russa e professori all'Università di Manchester in Gran Bretagna .
Il grafene è un'altra "forma" di carbonio proprio come il fullerene, che Google ha reso celebre con il suo doodle qualche tempo fa ed è da anni studiato per le sue applicazioni elettroniche.
Il grafene in pratica è il più sottile materiale mai ottenuto in laboratorio, è sostanzialmente trasparente ed è quasi cento volte più resistente dell'acciaio tanto che un suo foglio, anche se spesso un solo atomo, potrebbe reggere dei pesi impensabili.
Pare che il grafene debba le sue proprietà eccezionali alle proprietà quantistiche dei nanomateriali. Difatti il grafene è un buon conduttore di elettricità, è flessibile, leggerissimo ed è adatto per la costruzione di qualsiasi cosa, dai nanotubi di carbonio ai pannelli solari, dagli lcd ultrapiatti alle supercorde degli ormeggi, ed avrebbe migliaia di altre applicazioni, anche se la produzione in larga scala per ora è un miraggio.
Il merito dei due fisici premiati con il Nobel è stato anche quello di aver ottenuto il grafene stabile dalla comunissima grafite, quella cioé che compone le nostre matite (e che moderava il reattore nucleare di Chernobyl). Si pensi che un millimetro di grafite corrisponderebbe a tre milioni di strati di grafene. Ancora sono in corso studi per capire se sia tossico o meno.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: