le notizie che fanno testo, dal 2010

PD, Borghi: Poste beneficia di risorse Stato, garantisca servizi uguali per tutti

"Poste va in Borsa, sceglie il mercato, ma nella legge di stabilità resta da individuare la cifra che viene garantita dallo Stato all'azienda per il Servizio postale universale. Ne discuteremo il prossimo mese in Parlamento. Poste beneficia di risorse dello Stato, quindi di tutti, e deve garantire eguali servizi a tutti", dal PD la posizione di Enrico Borghi.

"Poste Italiane va in Borsa, sceglie il mercato, ma nella legge di stabilità resta da individuare la cifra che viene garantita dallo Stato all'azienda per il Servizio postale universale" rivela in una nota Enrico Borghi, seputato del PD, spiegando: "Ne discuteremo il prossimo mese in Parlamento".
L'esponente dem riflette però: "Poste beneficia di risorse dello Stato, quindi di tutti, e deve garantire eguali servizi a tutti. - aggiungendo - Nel dibattito sulla legge di stabilità lo chiariremo ancora, affinché i milioni di euro stanziati da Stato a Poste garantiscano il servizio per tutti. Le chiusure e le limitazioni di orari degli uffici di Poste Italiane sono entrate a Montecitorio e il Governo, per voce del sottosegretario allo Sviluppo economico Giacomelli, che ha risposto a una interpellanza, ha messo alla società alcuni paletti. Politici, visto che le regole del Servizio postale universale sono passate nelle mani dell'Autorità Garante delle Comunicazioni".
"La prima - precisa Borghi - è legata alla capillarità di Poste sul territorio che, come ha ribadito Giacomelli, è un valore, un asset strategico, le chiusure impoveriscono la società. Il secondo punto affronta la necessità di erogare nuovi servizi all'interno dell'Agenda digitale, da potenziare nel nuovo contratto di servizio che Poste dovrà definire con lo Stato. Opportunità legate all'informatica, a sportelli multiservizi da costruire d'intesa con gli Enti locali. Si tratta di due fronti, il valore sociale dell'ufficio postale e la digitalizzazione dei servizi. Il Governo ha recepito ciò che abbiamo messo a punto raccogliendo le istanze di sindaci e amministratori, non solo di aree interne, rurali e montane".
L'esponente dem conclude: "I cittadini sono uguali, non solo formalmente davanti alla legge, ma nell'accesso ai servizi. Lo dimostrano i molti comuni che hanno vinto ricorsi contro chiusure di uffici postali. Deve dunque essere bloccata, in sede politica ogni possibile disuguaglianza e le marginalizzazioni di comunità che vivono nelle aree interne del Paese".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: