le notizie che fanno testo, dal 2010

Borghi (PD): Poste Italiane dimentica di essere concessionario pubblico

"Nonostante le rassicurazioni giunte nelle scorse ore dal governo circa la sospensione trimestrale della misura di consegna della corrispondenza a giorni alterni sul 25% del territorio nazionale, stanno fioccando segnalazioni da diverse parti d'Italia circa la volontà di Poste Italiane spa di procedere come un panzer incurante di tutto ciò che gli accade attorno", così in un comunicato Enrico Borghi, deputato del PD.

"Nonostante le rassicurazioni giunte nelle scorse ore dal governo circa la sospensione trimestrale della misura di consegna della corrispondenza a giorni alterni sul 25% del territorio nazionale - commenta Enrico Borghi in un comunicato -, stanno fioccando segnalazioni da diverse parti d'Italia circa la volontà di Poste Italiane spa di procedere come un panzer incurante di tutto ciò che gli accade attorno".
"L'atteggiamento è al limite della provocazione. - denuncia il deputato PD - A ciò si giunge dopo la sostanziale incuranza da parte dell'azienda di un sistema corretto di relazioni con gli enti territoriali, che lamentano da ogni dove assenza di concertazione e di confronto nei confronti di un'azienda, che fra l'altro ancora oggi fa cassa grazie a locali e strutture messe a disposizione pressoché gratuitamente da numerose municipalità. E si arriva dopo che numerose mozioni votate dalla Camera, nelle quali si faceva esplicito riferimento alla necessità di garantire il livello dei servizi uniforme sull'intero territorio nazionale, sono state messe nei cassetti. Ora le stesse indicazioni del governo vengono mandate in cavalleria".
Borghi domanda quindi: "ma Poste Italiane spa si rende conto della sua natura di concessionario pubblico? Oppure l'aria della City ormai ha inebriato tutti? E che ne facciamo dei 300 milioni di soldi pubblici che entrano nel bilancio aziendale ogni anno con i quali si dovrebbe garantire il servizio universale? - concludendo - Mi auguro che le prossime ore segnino un soprassalto di resipiscenza e di responsabilità. Per quel che ci riguarda, non resteremo inerti ad assistere a questo incredibile atteggiamento."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: