le notizie che fanno testo, dal 2010

Pippo Civati: Renzi, stai sbagliando. La tua è solo una manovra di Palazzo

Nel corso del suo intervento alla Camera, Pippo Civati esordisce con un "Ciao Matteo, volevo dirti in due minuti che stai sbagliando". A Matteo Renzi infatti rimprovera il fatto di essere salito a Palazzo Chigi senza il voto degli elettori, sottolineando che la sua è "una manovra che neanche ai tempi di Mariano Rumor".

"Ciao Matteo, volevo dirti in due minuti che stai sbagliando" esordisce Pippo Civati durante il suo intervento alla Camera, dove questa mattina si è svolta la discussione generale sulle dichiarazioni programmatiche per il nuovo governo presentate dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Pippo Civati quindi prosegue: "Anch'io ho sognato che la nostra generazione andasse al Governo, ma ho sperato lo facesse con il voto delle persone e non con una manovra che neanche ai tempi di Mariano Rumor. Perché per me il problema più grande non è un problema che riguarda soltanto le dinamiche interne al nostro partito e che mi dispiace sia risuonato pochissimo in quest'Aula, è che continuiamo a fare Governi senza passare dal voto dei cittadini, a volte a loro dispetto. E voglio ricordare oggi che dovrebbero sempre essere gli elettori a scegliere i politici e non viceversa. Credo di rappresentare il disagio di molti elettori, non la maggior parte, ma di molti elettori del Partito Democratico, un disagio che si è manifestato anche ieri in alcuni interventi al Senato, un disagio che è molto forte". Civati quindi conclude: "Se ho deciso alla fine di un lungo travaglio di votare la fiducia e di prendermi per questo i fischi anche al posto tuo o di altri, diciamo, lo faccio solo perché penso, come ha detto Pier Luigi Bersani, che non si debba sfasciare tutto e non intendo solo il Partito Democratico. Intendo la possibilità di portare al Governo di questo Paese un cambiamento vero, creato con il consenso delle persone e maturato nella società".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: