le notizie che fanno testo, dal 2010

UE, Moscovici contro Fontana e Di Maio: impensierito per governabilità

Il commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici ha criticato alcune dichiarazioni fatte dai candidati del centrodestra e del M5S in vista delle elezioni del 4 marzo 2018.

Ingerenza da parte dell'Unione europea in vista delle elezioni politiche del 4 marzo 2018. Nel corso di una conferenza stampa a Parigi, il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici ha dapprima parlato di vari Paesi europei con una situazione "complicata" quali Polonia, Ungheria, Austria, per via di fattori di rischio politico, e poi si è detto impensierito per l'incognita governabilità dopo le elezioni se pensa a Paesi come Germania, Spagna e Italia.

Riguardo al nostro Paese, Moscovici ha puntalizzato: "L'Italia si prepara ad elezioni il cui esito è quanto mai indeciso. Quale maggioranza uscirà dal voto? Quale programma, quale impegno europeo? In un contesto in cui la situazione economica dell'Italia non è certamente la migliore al livello europeo, felice chi potrà dirlo...".
Poi ha criticato alcune dichiarazioni di Luigi Di Maio, candidato premier per il M5S, e Attilio Fontana, candidato del centrodestra in Lombardia.

Riguardo la frase sulla "razza bianca" detta da Fontana, Moscovici sottolina come le sue siano state parole "scandalose". Su Di Maio invece che propone di sfondare il tetto del 3% nel rapporto deficit-PIL, il commissario UE dichiara che "E' un controsenso assoluto".

"L'Italia non è una colonia e i cittadini non devono rispondere ai funzionari europei e alle banche" chiarisce immeditamente la deputata del MoVimento 5 Stelle Laura Castelli, la quale aggiunge: "Noi vogliamo ridare all'Italia lo spazio che altri paesi europei come Francia e Germania hanno già ottenuto. Il nostro programma economico prevede risorse per rilanciare investimenti, occupazione e ridurre anche il debito che con il governo Gentiloni, forse più simpatico a certi burocrati europei, è schizzato alle stelle. Non abbiamo paura ma abbiamo la forza delle nostre proposte, tutte messe nero su bianco a differenza degli slogan di altri partiti".

Non si è fatta attendere neanche la replica del leader della Lega Matteo Salvini, che denuncia "l'inaccettabile intrusione di un burocrate europeo nelle elezioni italiane. - aggiungendo - Le politiche di immigrazione incontrollata e di sacrifici economici imposte dall'Europa sono state un disastro e verranno respinte dal libero voto degli italiani, i burocrati di Bruxelles stiano tranquilli".

© riproduzione riservata | online: | update: 16/01/2018

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
UE, Moscovici contro Fontana e Di Maio: impensierito per governabilità
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI