le notizie che fanno testo, dal 2010

Fassino a Mussolini: Carfagna l'ha già degnamente definita

Fassino viene interrotto dalla Mussolini quando parla di rifiuti a Napoli e si rivolge alla deputata napoletana dicendo "il ministro Carfagna l'ha già degnamente definita". Il termine "vaiassa" ritorna in mente e la Mussolini scatta. Evitata la rissa per un pelo.

Tra i lunghi monologhi a Montecitorio (che per alcuni potrebbero essere anche delle "orazioni civili") ci sono di solito dei siparietti che una volta, quando solamente Radio Radicale registrava le sedute, si potevano immaginare ma non vedere.
Questa volta è stato ripreso tutto, almeno dai fotografi, lo scambio di opinioni tra Piero Fassino e Alessandra Mussolini.
Fassino, sempre compassato, nel suo intervento oggi all camera veniva interrotto da Alessandra Mussolini per ribattere sulle frasi dell'esponente del PD che si scagliava sull'emergenza rifiuti di Napoli. Piero Fassino sopporta, poi si innervosisce (come accade qualche volta) e dice "Onorevole Mussolini, il ministro Carfagna l'ha già degnamente definita". Ovviamente non l'avesse mai detto. Il ricordo del Ministro Mara Carfagna che apostrofa come "vaiassa" la Mussolini (il significato di vaiassa in napoletano è "serva" nell'accezione moderna) riecheggia nell'aula della Camera dei Deputati e probabilmente rimbomba nella testa di Alessandra Mussolini che scatta verso lo scranno di Fassino e che solamente i "valletti" riescono a placcare.
Addirittura sembra che Alessandra Mussolini abbia cercato di "tirare un telefonino contro Fassino che, nel frattempo si era scusato" come riporta il Tgcom. Alla Buvette, il ricco "caffé" della Camera, sembra però che tra Piero Fassino e Alessandra Mussolini sia scoppiata la pace. Come si dice, va sempre a finire a tarallucci e vino.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: