le notizie che fanno testo, dal 2010

Sospeso Pier Paolo Zaccai dopo festino con trans e cocaina

Dopo il caso Marrazzo, Pier Paolo Zaccai esponente del PdL romano, è finito sulle pagine dei giornali per aver probabilmente partecipato ad un festino a base di cocaina e trans.

Nuovo scandalo nel mondo della politica. Dopo il caso Marrazzo, un altro politico romano, questa volta esponente del PdL romano, è finito sulle pagine dei giornali per aver probabilmente partecipato ad un festino a base di cocaina e trans.
Si tratterebbe del 42enne Pier Paolo Zaccai, consigliere provinciale di Roma, laureato in Psicologia all'Università "La Sapienza" e poi abilitato alla professione di consulente del lavoro. Pier Paolo Zaccai è stato ricoverato questa notte in stato confusionale all'ospedale "Grassi" di Ostia, da cui è già stato dimesso, riportando anche una contusione al ginocchio.
Ai medici, il consigliere provinciale avrebbe riferito di essere caduto dalle scale, ma altre voci sembrano smentire questa versione. Secondo alcune transessuali, infatti, Pier Paolo Zaccai questa notte avrebbe partecipato con loro a un festino a base di sesso e cocaina.
Le trans avrebbero riferito alla polizia che a un certo punto il consigliere, avendo perso la lucidità, sarebbe uscito sul balcone di un appartamento del quartiere romano Appio-Tuscolano per improvvisare un comizio.
Le frasi sconnesse e rumorose avrebbero richiamato l'attenzione degli agenti del Commissariato di Polizia di zona e, a quanto si apprende, anche della guardia medica psichiatrica. Una volta giunto all'ospedale "Grassi" di Ostia, città di residenza del consigliere, Zaccai avrebbe rifiutato gli esami tossicologici.
I primi commenti dal mondo della politica non si sono fatti attendere. Vladimir Luxuria ha dichiarato "cade il teorema usato da simpatizzanti, direttori, politici e giornalisti del centrodestra, secondo cui quelli della sinistra come Marrazzo e Sircana vanno a trans e loro no", aggiungendo che spera per Zaccai che non ci sia un accanimento mediatico.
Il sindaco di Roma Gianni Alemanno, appresa la notizia, ha affermato: "è un bruttissimo episodio e mi auguro che la Magistratura faccia luce e accerti se ci sono dei reati". La notizia ha destato molto scalpore, anche perché Zaccai conduce una vita molto tranquilla ed è anche socio fondatore dei "Cavalieri di Anco Marzio", confraternita di stampo cattolico.
Intanto, tramite una nota, Vincenzo Piso, coordinatore regionale del PdL del Lazio comunica che "in attesa di comprendere meglio le dinamiche che hanno portato al ricovero in ospedale del consigliere provinciale del Pdl Pier Paolo Zaccai riteniamo opportuno sospendere cautelativamente dal partito il consigliere".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: