le notizie che fanno testo, dal 2010

Pasolini di Abel Ferrara in prima visione su Iris: 2 novembre

Su Iris la maratona Pasolini: poeta maledetto. Si inizia con la prima visione in chiaro di 'Pasolini' di Abel Ferrara.

"Iris ricorda uno dei maggiori artisti ed intellettuali italiani del XX secolo intitolandogli la serata con la mini maratona Pasolini: poeta maledetto. La rete tematica free Mediaset dedicata al grande cinema omaggia Pier Paolo Pasolini, in prima e seconda serata, con la prima visione in chiaro mercoledì 2 novembre di 'Pasolini' di Abel Ferrara, seguita dalla testimonianza di Maurizio Costanzo e dal film 'Mamma Roma'" si spiega in un comunicato dall'azienda di Cologno Monzese.

"Il ritratto del poeta - dà rilievo di seguito Mediaset -, scrittore, sceneggiatore, regista, drammaturgo, pensatore, tragicamente scomparso nel 1975, di Ferrara si concentra esclusivamente sulle ultime ore di vita e la sessualità di Pasolini. Un artista completo, innovativo, studioso osservatore della società del secondo Dopoguerra italiano, interpretato sul grande schermo da Willem Dafoe, mentre Riccardo Scamarcio indossa i panni di Ninetto Davoli. Al termine del film del regista italoamericano, presentata alla Mostra del Cinema di Venezia, è Maurizio Costanzo a raccogliere il testimone della serata."

"Il giornalista - osservano quindi dal gruppo milanese -, tra sequenze di 'Accattone', 'Uccellacci e uccellini', 'Mamma Roma', 'Il Vangelo secondo Matteo' e, sullo sfondo, immagini della battaglia di Valle Giulia (1° marzo 1968), lo ricorda con grande calore: 'Pasolini ha camminato sul pregiudizio degli imbecilli per anni. La Chiesa, no. La Chiesa lo capì subito. Leggete le sue poesie. Leggete gli Scritti corsari. Guardatevi i suoi film. Se avete intelligenza lo rimpiangerete'."


"Chiude la rassegna, 'Mamma Roma', con Anna Magnani, Franco Citti e Paolo Volponi, una storia di borgata, di vite derelitte e umiliate. A Venezia, dove fu presentato in prima mondiale, non fu accolto bene dai critici ufficiali, soprattutto perché Pasolini era ricorso ad una diva come la Magnani. Un film, secondo la critica odierna, immenso, perturbante, commovente fino allo strazio, dove l'incontro tra Pasolini e Magnani è memorabile, da capitolo di storia del cinema. Un'opera unica, sia nella filmografia di Pasolini che in quella dell'attrice" si anticipa.

© riproduzione riservata | online: | update: 02/11/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Pasolini di Abel Ferrara in prima visione su Iris: 2 novembre
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI