le notizie che fanno testo, dal 2010

Bersani, ultimo bollettino medico: privo di deficit neurologici. Renzi: PD ti aspetta

L'ultimo bollettino medico sulle condizioni di salute di Pier Luigi Bersani, che il 5 gennaio ha accusato un malore, sembra escludere possibili deficit neurologici per l'ex segretario del PD. A Parma va a trovare Bersani in ospedale anche MAtteo Renzi, ed infine arriva il messaggio di solidarietà anche dal leader del MoVimento 5 Stelle Beppe Grillo.

L'ultimo bollettino medico sulle condizioni di salute di Pier Luigi Bersani sembra escludere possibili deficit neurologici, dopo che l'ex segretario del PD il 5 gennaio ha accusato un malore ed è stato ricoverato d'urgenza a Parma per una emorragia cerebrale. "Anche nel pomeriggio il decorso post operatorio è proseguito positivamente così come evidenziato nella mattinata. Tutti i controlli e i parametri vitali permangono stabili e nella norma" spiegavano ieri i medici, sottolineando come Bersani "resta senza sedazione farmacologica, mantenendosi sveglio, collaborante e privo di deficit neurologici". Mentre i sanitari rassicurano, va a fare visita a Pier Luigi Bersani il suo vecchio sfidante alle primarie, Matteo Renzi, che in seguito commenta: "Spero di riaverlo presto a Roma per tornare a discutere, confrontarci e anche litigare" perché "con i suoi valori e la sua forza sarà in grado di farsi sentire e di portare avanti la sue idee". "Ho portato l'abbraccio di tutta la comunità del PD. Ovviamente non ho potuto parlare con Pierluigi che è in rianimazione. - ha aggiunto Renzi - Siamo felici che la situazione in miglioramento. Finalmente oggi sono arrivate belle parole da parte di tutti gli schieramenti, nessuno escluso". Matteo Renzi probabilmente fa riferimento al messaggio di solidarietà arrivato, infine, anche dal MoVimento 5 Stelle, o meglio dal suo leader Beppe Grillo che dal suo blog scrive: "Bersani ha avuto un pregio, quello di apparire umano, un grande pregio in un mondo di politici artefatti e costruiti a tavolino come dei pupazzi in vendita ai grandi magazzini della politica - e ancora - Credo che abbia sempre saputo che i suoi veri nemici non erano i Cinque Stellle, ma alcuni dei suoi compagni di partito e personaggi delle istituzioni". Nel fabbraio 2013, invece, Beppe Grillo descriveva nel suo post "Bersani, morto che parla" l'allora leader del PD che tentava una alleanza di governo con il M5S solo come uno "stalker politico".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: