le notizie che fanno testo, dal 2010

Bersani all'Isola dei Cassintegrati Vinyls: farò, dirò

Continua la protesta degli operai della Vinyls autoreclusi nel vecchio carcere dell'Asinara in condizioni precarie da 270 giorni. All'Isola dei famosi operai arriva Bersani con un bastimento di speranze.

Continua l'epopea dei cassaintegrati della Vinyls (ex Enichem) di Porto Torres in Sardegna autoreclusi dal 24 febbraio scorso nell'ex carcere dell'Asinara per rivendicare il proprio diritto al lavoro. La loro azione di protesta, sintetizzata nel blog "L'Isola dei Cassaintegrati" (www.isoladeicassintegrati.com) gestito da una valente redazione volontaria, si era anche affacciata al vastissimo pubblico mainstream dai teleschermi de "L'Isola dei famosi" di Simona Ventura della scorsa edizione, con la solidarietà espressa dalla conduttrice e dalla trasmissione.
Che degli operai siano reclusi volontariamente in un carcere (in precarie condizioni di vita) senza che nessuno "li salvi", solamente in Italia può accadere, stesso Paese che avrebbe lasciato per sempre, se ne fossero stati capaci, gli immigrati di Brescia sopra la gru.
Il problema politicamente è succulento, ma solamente nei periodi di crisi quando si ha bisogno di visibilità e di voti, così di passerelle se ne sono viste tante all'Asinara. Questa volta a mangiare le penne al sugo al pecorino è arrivato per la seconda volta (la prima era in occasione delle amministrative a maggio), in piena crisi politica, Pierluigi Bersani che ha promesso (come sempre) battaglia.
Bersani dice, come riporta la Nuova Sardegna: "Già da domani parlerò con il Ministro dello Sviluppo economico affinché acceleri i tempi di soluzione del problema. Voi della Vinyls siete diventati il simbolo di tutti gli italiani che hanno perso il lavoro e a mio avviso il governo ha tutti gli strumenti necessari per valutare se le proposte di acquisto al vaglio dei commissari dell'azienda sono serie".
Ma il domani di Bersani era già ieri e domani i politici devono ricordarsi che l'Asinara non sta ai tropici e presto, come dicono gli operai "ci sarà un gran freddo".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: