le notizie che fanno testo, dal 2010

Bersani a Beppe Grillo: M5S "leninista" su spazi borghesi e capitalisti

Mentre Beppe Grillo sul blog cerca di smorzare l'entusiasmo sulle figure di Laura Boldrini e Piero Grasso, attacca la presunta candidatura di Massimo D'Alema al Quirinale e chiede una "smentita". La replica è di Pier Luigi Bersani che ricorda: "Il MoVimento 5 Stelle fa riunioni chiuse e poi vuole lo streaming quando va dal Capo dello Stato, secondo un antico e conosciuto leninismo".

Dopo il duro attacco ai senatori 5 Stelle che hanno votato in libertà di coscienza a Palazzo Madama, sul blog Beppe Grillo cerca di smorzare l'entusiasmo che si è creato intorno alle figure di Laura Boldrini e Piero Grasso, rispettivamente Presidente della Camera e del Senato, una di SEL e l'altro del PD. Beppe Grillo afferma che il PD "ha giocato l'unica carta che gli è rimasta, quella della foglia di fico" spiegando che "Franceschini e la Finocchiaro erano indigeribili per chiunque, anche per gli iscritti" mentre "Boldrini e Grasso continuano così la linea già tracciata da Doria e Ambrosoli". Beppe Grillo prosegue attaccando "i parlamentari del pdmenoelle" che a suo giudizio "non riescono a esprimere un loro candidato. - aggiungendo - Non si fidano di sé stessi (sic), soprattutto di sé stessi (sic). Sanno di essere impresentabili e quindi devono presentare sempre qualcun altro. Per loro ci vuole un po' di conservatorismo compassionevole". Per loro ma anche per una parte dei senatori del MoVimento 5 Stelle, visto come sono finite le votazioni che hanno eletto Piero Grasso. Ma i toni aspri e accusatori di Beppe Grillo non sono finiti.

Secondo il capo politico del MoVimento 5 Stelle tra i candidati alla Presidenza della Repubblica ci sarebbe Massimo D'Alema, descritto da Beppe Grillo come "irricevibile dall'opinione pubblica" perché "il Paese non reggerebbe a sette anni di inciucio". Finora, in realtà, il primo "inciucio", come osserva il PDL, sembra essere arrivato solo da una parte del M5S, che si è spaccato alla prima votazione. Addirittura, Beppe Grillo arriva a chiedere una "smentita" in merito alla presunta candidatura di Massimo D'Alema al Quirinale, che solo due giorni fa aveva chiarito di non voler "essere tirato in ballo, come accade da giorni, in vicende alle quali sono del tutto estraneo e nelle quali, evidentemente, mi si vuole coinvolgere per ragioni che non capisco e non condivido", replicando a chi ipotizzava un suo coinvolgimento riguardo i nomi delle presidenze di Camera e Senato. A Beppe Grillo risponde però Pier Luigi Bersani, che da Brescia fa notare: "Il MoVimento 5 Stelle fa riunioni chiuse e poi vuole lo streaming quando va dal Capo dello Stato, secondo un antico e conosciuto leninismo - aggiungendo - Sono un cuneo... 'mi organizzo più o meno segretamente e poi approfitto di tutti gli spazi che la borghesia cogliona e capitalista mi offre': non sono grandissime novità".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: