le notizie che fanno testo, dal 2010

Phil Collins esce dalla pensione: nuovo album, nuova moglie e rimane lo scheletro di Peter Gabriel

Phil Collins è di nuovo in pista dopo che il suo cuore, motore della sua carriera solista, è stato amorevolmente rincollato dalla sua terza moglie che probabilmente diventerà la quarta. Anche se accompagnato da un bastone, Collins tornerà sul palco per un concerto di beneficenza, parla di un possibile nuovo album, della reunion difficile dei Genesis e che fare un tour con Peter Gabriel "sarebbe molto interessante" ma l'ha già fatto negli anni '80.

Se qualcuno aveva cantato il requiem per Phil Collins vedendolo il giorno del suo compleanno (30 gennaio) con la barba lunga ed appoggiato al bastone insieme ad "un paio dei suoi migliori amici" (come spesso diceva nei concerti degli anni '90), e cioè gli altri compari del Genesis Tony Banks e Mike Rutherford, ha certamente dovuto ricredersi per le notizie di questi giorni. Phil Collins dopo l'interessante intervista al The Guardian, dove confessava che avendo tanto tempo da perdere passava le giornate davanti alla TV bevendo vino e vodka, ha deciso di rimettersi in piedi e tornare a lavorare. Il pensionamento gli stava dando dei seri problemi di salute "che ora vanno migliorando" dice Phil.

Il cantante di "Against all odds" dopo la ristampa di tutti i suoi dischi con la faccia piena di rughe (leggi Phil Collins ristampa Face Value e Both Sides con una faccia nuova, la sua vecchia), ha da pochi giorni festeggiato le ultime riedizioni di "No Jacket Required" e "Testify". Ed in un certo qual modo è proprio è proprio da Testify che riparte la sua nuova vita. Testify è l'ultimo album in studio di Collins e prende il titolo dall'omonima canzone contenuta nell'album che lo stesso batterista dei Genesis descriveva come "una delle più dirette e personali canzoni che abbia mai scritto". Collins l'aveva infatti composta come dichiarazione d'amore eterna per la sua terza moglie Orianne Cevey, il cui matrimonio sarebbe di lì a poco andato a rotoli (nella migliore tradizione collinsiana) per finire con una delle cause di divorzio più salate della storia inglese (25 milioni di sterline finite nelle tasche della Cevey).

Ma la "testimonianza" dell'amore di Collins per la sua terza moglie, durante gli anni, sembra aver fatto effetto. Orianne Cevey dopo essere rimasta parzialmente paralizzata nel 2014 per una infelice operazione alla cervicale, ha spiegato che Collins non l'ha abbandonata un attimo nel periodo difficile. Così, rinato l'amore tra i due, anch'ella darà la sua "testimonianza" chiedendo il divorzio dall'attuale marito, il banchiere Charles Mejjati, da cui ha avuto un figlio. Orianne Cevey ora vive con Phil Collins e figli a Miami in Florida, e ha fatto sapere che molto presto si arriverà di nuovo alle nozze. Diventerà quindi la quarta moglie di Phil Collins. Il cantante dei Genesis sul ritorno di fiamma con Orianne dice: "Ci siamo persi l'uno con l'altro, abbiamo avuto un malinteso e abbiamo riparato".

Insomma finalmente il "misunderstanding" di Collins ("There must be some misunderstanding, There must be some kind of mistake", cantava in Duke), sembra essersi risolto per sempre e il fu Buster cinematografico, son il suo cuore rincollato, torna a nuova vita, cioè al suo amato lavoro. Le ultime novità vogliono che il leader dei Genesis ritorni l'11 marzo per beneficenza sul palco al Jackie Gleason Theater di Miami in un concerto acustico ( chiamato "Dreaming on the beach") per supportare la Little Dreams Foundation, la fondazione di Collins e Cevey. L'altra novità potrebbe essere un nuovo album, dato che il cantante ha dichiarato qualche giorno fa come il suo studio "non è ancora pronto ma sono pronto a sedermi al piano e vedere cosa succede". Collins ha anche messo le mani avanti dato che dice di non "scrivere da molto tempo, quindi ho bisogno di trovare nuovamente il ritmo giusto, anche se in questo momento ho molte idee che devo sviluppare".

E poi per tutti i fan dei Genesis c'è una nuova risposta alla "solita vecchia domanda" che si fa ad ogni membro del gruppo (cioè a Peter Gabriel, Tony Banks, Mike Rutherford, Steve Hackett) e questa volta a Phil Collins la fa nientemeno che Nick The Nightfly di Radio Montecarlo: "Phil, parlando dei Genesis, tutti si chiedono se ci sarà una reunion con Peter Gabriel". Risponde Collins: "Ah, non si smette mai di fare certe domande... No, non penso... E uno dei motivi è che io non posso più suonare la batteria come facevo prima. Se mi metto a lavorare forse un po' riesco, ma non abbastanza per suonare con i Genesis e con Peter come cantante. Ne abbiamo parlato nel 2004, a Glasgow, durante il mio 'farewell tour'... abbiamo parlato di fare qualcosa di nuovo, noi cinque insieme, e in quel momento potevo farlo, perché stavo suonando benissimo, ma dopo il reunion tour con i Genesis ho avuto dei problemi con il mio braccio e la mano sinistra, perciò penso che questo non accadrà".

E per quanto riguarda Peter Gabriel che sarà prossimamente in tournée con Sting, Phil Collins ricorda a Nick The Nightfly come con Peter Gabriel ci sia andato già in tour negli anni '80. "C'è stato un momento, ma non se ne parla o forse nessuno lo sa, è accaduto negli anni Ottanta, prima del suo terzo album. Lui non aveva un gruppo e gli ho detto che avrei suonato per lui la batteria. Siamo andati in tournée, abbiamo fatto circa sei date, ma nessuno ne parla mai. Io suonavo la batteria, poi cantavo 'Biko', 'Lamb Lies Down On Broadway'. Ora lo sapete...". Ma chi ha i bootleg di quelle storiche serate sa bene che Peter Gabriel presentava Phil Collins dietro la batteria con un affettuoso "ecco lo scheletro del mio passato, Mr Phil Collins!".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: