le notizie che fanno testo, dal 2010

Patrizia D'Addario: un film sulla mia verità

Patrizia D'Addario, salita alla ribalta della cronaca per le sue rivelazioni scottanti delle notti a Palazzo Grazioli, ora torna sull'argomento, sottolineando che in tutta questa storia "non ha guadagnato nemmeno un soldo".

Patrizia D'Addario si sfoga nel programma di La7 "In onda". Si toglie qualche sassolino dalla scarpa, ma neanche troppo.
Ci tiene solo a precisare che lei quelle rivelzioni dopo che erano uscite le registrazioni fatte a Palazzo Grazioli non voleva neanche farle, solo che "il magistrato mi ha convocata", spiega.
Se fosse stato per lei, quindi, non ci sarebbe stata nessuna rivelazione ma dopo il "fango" che le è stato buttato addosso, compresa l'etichetta non vera a suo dire di escort (che è già un aggettivo nobile rispetto al significato intrinseco), doveva dire per forza la verità.
Patrizia D'Addario afferma poi che nonostante la sua vita ora sia totalmente cambiata, da quelle fotografie e interviste "non ha guadagnato nemmeno un soldo", aggiungendo poi: "il mio silenzio non è stato pagato, quello di queste persone sì". Riferendosi con "queste" a le persone che l'hanno offesa e che "lavorano anche a Palazzo Chigi".
La D'Addario sottolinea poi che nei suoi due incontri con il premier Silvio Berlusconi a Palazzo Grazioli, tra cui quello nel famoso "letto di Putin" il 4 novembre (la sera che Barack Obama diventava Presidente degli Stati Uniti), non ha mai preso "buste". Aggiungendo poi che quest'ultima serata se la sarebbe anche "risparmiata volentieri".
Ora Patrizia D'Addario sta lavorando ad un film sulla vicenda, che molto probabilmente, come lei stessa ammette, farà molto più successo del suo libro "'Gradisca, presidente".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: