le notizie che fanno testo, dal 2010

Elezioni Roma 2013: Partito Pirata vero sfidante del MoVimento 5 Stelle?

Alle elezioni amministrative di Roma 2013 parteciperà anche il Partito Pirata Italiano, che sembra essere il vero sfidante (e forse l'alternativa) del MoVimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che ha stilato il programma sulla piattaforma di e-democracy Liquid Feedback.

Il simbolo e la lista del Partito Pirata Italiano appariranno, per la prima volta, in una tornata elettorale. Il Partito Pirata Italiano (PP-IT) si presenta alle elezioni amministrative di Roma 2013 (data del voto il 26 e 27 maggio) per cercare di conquistare il Campidoglio. La lista del Partito Pirata Italiano è #RomaPirata, a sostegno della Repubblica Romana di Sandro Medici, che cercherà di scippare la poltrona di sindaco della Capitale a Gianni Alemanno. La presentazione ufficiale della lista #RomaPirata avverrà venerdì 5 aprile (alle ore 15:00 c/o Comitato Civico 'Repubblica Romana' Via Ostiense 2 - Roma) per "affermare anche a Roma il progetto di una democrazia partecipata, per descrivere le proposte per una città solidale ed equa, per una città senza speculazione. Per una città senza brevetti", come si legge in una nota del Partito Pirata Italiano. Come viene evidenziato nel sito ufficiale (e rinnovato da poco), il Partito Pirata Italiano "si è costituito in Italia nel 2006, lo stesso anno in cui viene fondato il Piratpartiet in Svezia". Le decisioni politiche del Partito Pirata Italiano vengono assunte "esclusivamente attraverso la piattaforma di e-democracy Liquid Feedback, - si legge ancora sul sito - alla quale partecipano tutti gli iscritti e che il Partito Pirata Italiano utilizza da novembre 2011 per decidere sulle proprie istanze e definire le linee programmatiche". Il Partito Pirata sottolinea inoltre come sia "la prima (e al momento unica) organizzazione politica che utilizza una piattaforma di e-democracy, secondo il concetto di Democrazia Liquida". Piattaforma di e-democracy che Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio promettono da anni agli attivisti del MoVimento 5 Stelle, anche se finora di democrazia liquida si parla e basta. "Tutti possono salire a bordo dei vascelli pirata nello spirito cooperativo di un soggetto politico che pone la partecipazione democratica al centro della rifondazione della Politica" spiega infatti il Partito Pirata Italiano, che diventa di fatto, partecipando alle elezioni comunali di Roma 2013, il vero sfidande (e forse anche l'alternativa) del MoVimento 5 Stelle, che non ha ancora un portale per quella "democrazia diretta" che loro stessi promuovono. Anche il "programma di governo della Capitale è stato realizzato tramite il Liquid Feedback" prosegue il Partito Pirata che sostiene la candidatura a sindaco di Roma di Sandro Medici. Nel corso della conferenza stampa di venerdì 5 aprile, parteciperà anche il candidato incandidabile del Partito Pirata Italiano JoJo...Che. "Jojo, al tempo Josef Yemane Tewelde, è un migrante di seconda generazione, di origine eritrea, figlio di migranti e padre di italiano, simbolo della tante assurdità italiane. - si legge infatti nella sua scheda - E' nato in Italia, vive in Italia, è un tifoso della Roma, e soprattutto è un giovane impegnato per i diritti sociali di tutti e per migliorare la città da anni. Ma non può votare!". La provocazione del candidato incandidabile JoJo nasce per rivendicare il diritto alla cittadinanza, il diritto al voto e all'eleggibilità, ma anche per mettere in primo piano i temi legati all'immigrazione. Nella conferenza stampa del Partito Pirata Italiano interverrà inoltre Fabio Reinhardt, parlamentare del Piratenpartei di Berlino.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: